A me er Natale nun me lo leva un Conticchio!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ Natale?
Chi è nato? Un popolo coglione colla museruola o Gesù Cristo?
A me, me pare che sia morto er monno pe’ colpa de li mascherinizzati, de tutti ste; fregnoni c’hanno paura der niente, che se fanno perculà dal loro comannante: er contincchio che spara minchiate tutte le vorte che sta ‘aprì bocca!
Ma che ce potemo f’fà è Natale! Solamente che nun me ne accorgo! Nun lo vedo per le strade, per le vie della città; vedo solo deficienti colle museruole che farebbero meglio a starsene a casa, che passeggiano pe’ vedè quante persone passeggiano e poi annà a dennuncià che passeggiano n’troppi. N’somma minchioni che fanno i minchioni!
Non ce più l’odore der Natale! Sono pochi i balconi illuminati. Poche le strade a festa e sempre grazie alle teste di cazzo con la museruola!

Sono cresciuto con l’odore der Natale, nei quartieri a festa, con l’odore del sanguinaccio, del torrone, ma “era per i ricchi”, dicevano a casa de mi nonna e però un ce mancava. Una famiglia comunista (io cor tempo so’ diventato un seguace de Almirante e ne vado orgoglioso…), durante i governi fatti de politici veri, quanno, tanto pe’ dire, a parlare erano personaggi come ar Berlinguer, Fanfani, Andreotti, Pannella! Quanno che la politica era de li cittadini e pe’ li cittadini, non de certi buffoncelli com’adesso che c’hanno solo voglia de annà n’giro colle fidanzate e er portafoglio pieno!

Sono cresciuto cor dottore che me veniva a visità a casa, armeno na vorta ogni quindici giorni. Nun lo dovevamo chiamà noi, no; veniva perchè “era suo dovere seguire i suoi pazienti”, diceva. Cosa che se la pensi adesso dici: “doveva da esse un dottore n’capace visto che tiene er tempo de anna n’giro! E invece no! A quei tempi te laureavi solamente s’eri capace, si c’avevi le qualità pe’ riuscirce, non si c’avevi li soldi o un parente all’università.
A quei tempi l’omo era omo e er cane faceva er cane, nun se metteva a f’fà er medico, l’avvocato o er politico. Mo’ che fate? Ve lamentate che l’ospedali non funzionano e date la colpa a li dottori? E….grazie ar cazzo che funzionano male se devono da perde tempo colle vostre stronzate; c’annate pure quanno che c’avete un mal de mola… ve spaventate pe’ niente, siete deboli nell’animo, questo è!

Leggi pure:   Covid, studio Iss: un deceduto su 6 con deficit cognitivo

Sono cresciuto bevendo l’acqua dar rubinetto e che scocciatura dover riempire le bottiglie la sera. Sono cresciuto a pane e pasta. Mo’ ce so’ i vegetariani, i vegani… li cretini ce so’, semo pieni di cretini adesso! Se annavi ar bar ordinavi un caffè e basta…adesso ce sta quello d’orzo, quello decaffeinato (er caffè senza caffè…), quello tunisino, quello marocchino… ma nun ce rodete er cazzo e beveteve er caffè! Sono cresciuto magnanno pane e mortadella e mica c’erano i mc donalds a quei tempi, al massimo te potevi magnà na focaccina durante la pausa a scuola. Scuola che era gratis pe’ davvero pe’ chi nun c’aveva la possibilità de comprarse i quaderni o la cartella; ce stava la Caritas, quella vera! Io nun c’avevo sto bisogno, però dicevo a mi padre che volevo i colori der compagno povero e i quaderni come i suoi e non pe’ altruismo, ma proprio perchè me piacevano de più, ma mi padre me risponneva ch’ero fortunato io a non averceli quei colori nella scatola d’alluminio; io c’avevo l’astuccio, perfino con la gomma ed il temperamatite oltre a 36 matite colorate diverse; robba da ricchi, cazzo!!!

Sono cresciuto che le iniezioni me le faceva mi padre ed io pe’ nun sentì er dolore, me sdraiavo sul letto a pancià sotto, leggendo er Topolino. La siringa era stata bollita, era de vetro, mica come adesso che ce so’ quelli sterili monouso fabricate n’Cina, non se sa come da non se sa chi!
Sono cresciuto che quanno mi sorella c’aveva la febbre, me costringevano a dormì co’ lei, “così te viene pure a te e ce levamo er pensiero pe’ quest’anno…” diceva la mi mamma e così pe’ tutte le malattie n’fettive! Mo’…? Mo’ c’avete paura de n’fluenza che sta facenno meno danno de artre malattie e, la natura lo sa bene, dovreste annà n’giro pe’ beccavella anzichè averce paura… ma siete poveri de dentro. Siete povere de cervello. Siete la feccia della società e me rammarico perchè so’ stati quelli cresciuto come me ch’hanno voluto proteggerve, ch’hanno voluto creà tante cose pe’ un ve fìfà provare certe cose tristi che, invece hanno ottenuto esseri stupidi; pecore obbedienti che nun sanno più ragionà da sole!

Leggi pure:   La paura nera degli Italiani - "meglio sudditi che morti"

Sono cresciuto… ma che ve lo dico a f’fà! Nun me potete capì, voi un siete cresciuti, ve siete “involuti” e quello ch’è peggio è che vi sentite, ar contrario, persone intelligenti, progredite, quanno che siete solamente una massa de deficienti incapaci di gestire le vostre vite. Ma c’è un’altra verità, ancora più triste: non volete responsabilizzarvi per nulla, pe’ niente e quindi, lasciate che sia er governo a decide pelle vostre inutili vite!

Nun avete er diritto de parlà… le pecore ponno solo belà e…sappiatelo: a me e nun credo d’esse er solo, er Natale nun me lo leva un Conticchio e manco ‘na legge e manco n’decreto e manco la Costituzione!
Io so’ cresciuto libero e libero moro e non me ne fotte niente della vostra libertà d’averce paura: state a casa e nun ce rosicate er pennello fertile!

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   Patentino Vaccinati? No, meglio un'App - Il governo ci riprova!