Angela Chianello di “non ce n’è coviddi” sta girando un video musicale

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Forza ragazzi, buongiorno da Mondello!” fa il ritornello del brano, mentre sulla spiaggia una folla di persone canta e balla senza mascherine né distanziamento sociale.

Mentre l’Italia sta facendo fatica a contenere la seconda ondata dell’epidemia da coronavirus, con zone rosse in diverse regioni e le autorità sanitarie secondo cui le misure ancora non sono sufficienti e ci vuole un secondo lockdown generale, la tragedia si trasforma in farsa in quel di Mondello, in provincia di Palermo, dove la signora Angela Chianello, già diventata famosa per il suo “qui non ce n’è coviddi” ai tempi della prima ondata sta ora girando un video musicale per la sua prima canzone – un brano pop per capitalizzare sulla sua frase diventata per caso il tormentone della scorsa estate.

 

La notizia arriva dal profilo Instagram di Chianello – 170mila follower – su cui ha postato alcune storie in cui la si vede sulla spiaggia circondata da una folla di persone senza distanziamento sociale né mascherine che cantono e ballano. Sempre sul suo profilo Instagram c’è un video in cui Chianello è circondata da una folla di gente, anche qui senza mascherine, che scandisce “LI-BER-TÀ, LI-BER-TÀ”, con una bandiera italiana che sventola sullo sfondo. 

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Vogliamo la nostra Italia @noseal_vucciria_music

Un post condiviso da Angela Chianello (@angelachianello_real) in data:

Fare canzoni e video musicali partendo dai tormentoni è ormai una pratica abbastanza consolidata ma forse non era il caso di farlo su un argomento così delicato come il coronavirus e il negazionismo, tra l’altro proprio mentre l’epidemia è tornata con forza a colpire il Paese. C’è da dire che i commenti degli utenti sotto i post di Chianello non sono esattamente positivi: in molti fanno notare l’assenza di mascherine o scrivono “vergognatevi”.

Leggi pure:   Dott. Polimeno: “Chiedo scusa a nome dei miei colleghi che disseminano il terrore”

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.