CommonPass, il passaporto digitale sanitario che aumenta il controllo

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Da qualche giorno alcune compagnie aeree stanno testando il CommonPass, un passaporto digitale sanitario.

L’organizzazione svizzera no profit World Economic Forum ha lanciato un progetto insieme alla fondazione pubblica The Commons Project per la creazione di un passaporto digitale sanitario.

Si chiama CommonPass e lo stanno già testando alcune compagnie aeree come Cathay Pacific Airways e United Airlines.

I voli sui quali stanno sperimentano il passaporto sono quelli tra Londra e New York e tra Hong Kong e Singapore.

“L’iniziativa – si legge nel sito del WEF – mira a sviluppare un quadro globale e interoperabile per riportare i viaggi transfrontalieri ai livelli pre-pandemici”.

CommonPass è un App che dovrebbe attestare la negatività del passeggero alla Covid in base a test conseguiti in laboratori certificati.

La piattaforma nasce per raccogliere le informazioni sanitarie delle persone come, ad esempio, un test Covid o, in futuro, l’avvenuta vaccinazione.

Prima di poter viaggiare il passeggero dovrà rispondere a un questionario sanitario diverso a seconda del Paese in cui si sta recando. Se possiede i requisiti richiesti potrà spostarsi senza problemi.

CommonPass: obbligo o libera scelta?

Nel sito del WEF sono riportati i punti strutturali del progetto. “Consentire alle persone di raccogliere e archiviare le proprie informazioni sanitarie in modo sicuro e presentare il proprio stato di salute insieme ai requisiti di viaggio e di attraversamento della frontiera. Supportare una serie di input di dati sanitari, inclusi i risultati dei test PCR e le registrazioni delle vaccinazioni. Supportare una gamma di requisiti di ingresso per lo screening sanitario che variano da Paese a Paese e si evolveranno nel corso della pandemia e oltre”.

E la privacy? Secondo quanto riportato in un video che sponsorizza CommonPass: “I dati inseriti dal passeggero verranno condivisi solo con il consenso esplicito e informato di chi li utilizza. Saranno archiviati soltanto alla fonte e sul telefono dell’utilizzatore”.

Simili innovazioni tecnologiche lasciano sempre qualche perplessità. Se in futuro qualcuno decidesse di non voler scaricare questa applicazione, potrà continuare a volare?

Leggi pure:   Pandemia: Segni di rivolta dalla Germania

Il rischio infatti è che, con la scusa di volerci aiutare a “viaggiare sicuri”, si possa rendere obbligatorio il passaporto digitale sanitario.

E se i voli fossero solo il primo step? Poi si potrebbe passare ai treni e magari pure agli autobus. Oppure ci vorranno far “viaggiare sicuri” solo sugli aerei?

Un eventuale obbligo si potrebbe estendere anche ad altri luoghi: cinema, parrucchieri, scuole, supermercati… Così, per entrare, dovremo dimostrare di aver fatto tutte le vaccinazioni ed essere negativi a chissà quanti tamponi.

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   BOZZA DEL NUOVO DPCM