COSI’…TANTO PE’ SFOGARME!!!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Stamo sempre a parlà e riparlà de sti poracci che se mettono e mascherine, de sta pandemia c’hanno n’ventato pe’ ffà morì ammazzati tutti sti porelli che già erno malati; che nun l’avemo ancora capito che è solo colpa der governo se succede tutto st’ambaradan n’fame?
 
Che nun lo sapemo che quarcuno, a maggioranza, se so’ fidati de sti pagliacci che stanno ar governo che se vonno magnà tutto quanto, pure ammazzanno li cristiani e che, quindi, me pare pure giusto ch’adesso quarcuno se ribbella?
O forse che c’avemo de bisogno che li scienziati ce facessero n’disegnino alla lavagna?
 
Perciò cari governanti, magnateve la vostra fetta de carne che almeno voi ce l’avete, fateve la vostra passeggiata con la macchina blu, usando la benzina fatta cor petrolio che ce sta a ‘nquinà li mari, ma nun state a dommannarce de farce vaccinà, noi o li nostri figli, perchè tanto nun ce crede nessuno che ce volete da protegge!
 
Stateve un pò zitti se nun volete fa la figura de li cretini; Noi ce lo sapemo che dovemo da ffà colla nostra salute e ce li sapemo li rischi che corremo, sempre meglio de sta guerra che ce state a ffà co li vosti discorsi der cazzo, su sto virus che dovrebbe spaventarce, che voi vorreste che ci chiuderemmo n’casa nostra pe’ lassavve er campo libero, così ce potete da n’fetta co quarche cos’artro ed è inutile che fate finta de indignavve se quarcuno de noi nun vole usà er vostro straccetto de carta, a’ museruola, ce lo sapemo benissimo che nun serve a niente, v’abbasta ch’ha usano li cretini de sto paese!
Se semo capiti?
 
Mò, ve dico na cosa a rimbeccilliti che usate ‘a mascherina: ho dovuto da spiegà alla moglie de un amico mio che lavora pè na industria farmaceutica che se sè pò magnà un piatto de pasta deve da ringrazià che se fabbricano ‘e medicine e che se queste medicine se venneno è perché ci stanno li malati e dunque che sarebbe meglio, molto meglio che la finisse de fa l’indignata pe sto virus e pe la pandemia c’hanno n’ventato, che serve a ffà guadagnà l’amico mio, su marito, e pure chi ffà ‘e mascherine, pe’ questo ve le fanno usà, artrimenti er boccone glie và pe traverso!
E sapete quanti colleghi tiene l’amico mio?
C’é bisogno che ve lo dica?
E spero che nun ce sia bisogno che ve spieghi che se stamo a usà il computer o er celluare, si c’avemo ‘na machina è anche pè questo; pe’ tutta sta moneta che sta a girà dietro tutte le malattie e a ste mascherine e tante artre cose che nun ve sto a dì…
Ce lo sapevate?
 
Mo’ ce lo sapete e stateve zitti, m’bavagliateve colla vostra mascherina e nun ce rodete er fegato, che già ce lo stamo magnando stando ‘a combatte contro sto governo de mmerda
 
Nun parlate, nun parlate pe favò; colla mascherina ve mancherebbe l’aria!!! (che forse sarebbe meglio pe’ quarcuno de voi, specialmente quanno pregheno che quarcuno de noi se pigliasse sto virus!!!). Ammazza quanto siete cattivi: – ‘A li mmortacci vostri e de chi nun ve lo dice pure!!!
 
Leggi pure:   Covid: Si deve far crollare il grande affare delle mascherine
Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.