Covid-19, Speranza: “Campagna vaccinale senza precedenti, da fine gennaio”

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo ha dichiarato il ministro della Salute, in occasione del congresso della Federazione Ordini farmacisti italiani (Fofi). “La campagna di vaccinazione anti-Covid richiederà un impegno straordinario di tutte le energie in campo”, ha aggiunto.

“Ci sarà una campagna di vaccinazione anti-Covid nel Paese che probabilmente sarà senza precedenti e che richiederà un impegno straordinario di tutte le energie in campo”. Lo ha dichiarato, in occasione del congresso  della Federazione Ordini farmacisti italiani (Fofi), il ministro della Salute Roberto Speranza. La campagna “per il vaccino Covid che arriverà, si svilupperà ci auguriamo fin dalla fine di gennaio, quando appare in questo momento possibile che potremo avere le primissime dosi”, ha aggiunto.

Speranza: “Prime dosi a categorie più esposte e anziani”

Nel corso del suo intervento, il ministro della Salute ha sottolineato che le primissime dosi di vaccino che saranno disponibili “saranno dedicate alle categorie più esposte a partire dai professionisti sanitari, i soggetti fragili, gli anziani nelle Residenze sanitarie Rsa e gli anziani con patologie”.

Speranza: “Segnali in controtendenza non sufficienti, resistere”

Commentando gli ultimi numeri dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del coronavirus in Italia, Speranza ha dichiarato: ”I primi segnali in controtendenza dopo le settimane di crescita vertiginosa del contagio si vedono, ma sono ancora del tutto insufficienti. La pressione sui sevizi sanitari è fortissima. Rt sta calando ma dovrà ancora scendere strutturalmente sotto l’1. Sola allora vedremo risultati più significativi”. “Dovremo ancora resistere per una fase significativa. Guai a interpretare questi primi segnali come un liberi tutti”, ha aggiunto, intervenendo alla settima edizione di Farmacistapiù, in corso dal 20 al 22 novembre. Il ministro della Salute, durante il webinar “L’Unione europea alla sfida del Covid-19”, ha attribuito la flessione dell’indice di diffusione del contagio (Rt) alle misure restrittive adottate dal Governo, considerate come “l’unico vero strumento che ora abbiamo per abbassare il contagio e metterlo sotto controllo”. “È evidente che provocano sacrifici sul piano economico e culturale, ma come mostrano i numeri preliminari degli ultimi giorni nel nostro Paese, dimostrano di funzionare”, ha aggiunto. 

Leggi pure:   DPCM: prima litigano sui social e poi passano alle mani

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.