Covid e mascherine, novità in linee guida Oms

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le mascherine “dovrebbero essere utilizzate come parte di un pacchetto completo di misure anti-Covid. Curando sempre l’igiene delle mani prima di indossarle e dopo averle tolte”. Inoltre l’uso appropriato, la conservazione, la pulizia e lo smaltimento corretti sono essenziali per garantire che le mascherine siano efficaci. Lo ricorda l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha aggiornato le sue linee guida sull’uso delle mascherine anti-Covid con nuove prove scientifiche e consigli pratici. Fra le novità, l’indicazione per gli operatori di indossare sempre quelle chirurgiche nelle strutture sanitarie ‘in assenza di procedure che generino aerosol’, prediligendo in altri casi le N95 o le Ffp2, mentre nelle aree dove c’è trasmissione di comunità tutti – pazienti inclusi – dovrebbero usare le mascherine nelle strutture sanitarie.

Inoltre l’Oms invita il pubblico a indossare le mascherine di comunità nei negozi, nei luoghi chiusi e negli spazi all’aperto dove non c’è distanziamento. Chi è ad alto rischio di gravi complicanze con Covid, dovrebbe optare invece per le mascherine chirurgiche. Quando si è al chiuso con altre persone, “le persone dovrebbero indossare una mascherina a meno che la ventilazione non sia stata giudicata adeguata”, dicono gli esperti. A casa, si dovrebbero indossare mascherine “quando si ricevono i visitatori se non si riesce a mantenere la distanza o se la ventilazione non è buona”. Nel documento c’è anche la raccomandazione di non indossare mascherine durante un’attività fisica intensa e di non usare quelle con le con valvole perché si bypassa la funzione di filtro dell’aria esalata.

Nelle linee guida l’Oms fornisce inoltre indicazioni più dettagliate sui tipi di tessuti da utilizzare nella realizzazione di maschere in stoffa, ricordando anche l’importanza di non riutilizzare quelle monouso.

Leggi pure:   LA DISTOPIA DELLE SCIMMIETTE

Gli esperti raccomandano inoltre di lavare le mascherine in tessuto con detergenti ad almeno 60 gradi C e almeno una volta al giorno. Se non è possibile, lavarle a temperatura ambiente, facendole poi bollire per un minuto. Le mascherine usate vanno conservate in una busta di plastica fino al lavaggio, e non vanno mai tenute intorno al braccio o al polso, o calate sul collo, sul mento o sulla fronte.

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.