COVID: non è necessario il Natale, non è necessario l’Amore!

Che fai, condividi?
  • 38
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    38
    Shares
Ci sarà un nuovo dpcm?
 
E chi può saperlo, ormai si susseguono, con la grettitudine tipica dell’italiano medio – per intenderci quello che indossa la mascherina -.
Ormai stiamo pure perdendo il conto e non solamente dei DPCM farlocchi, ma anche del numero di delatori, pronti, dietro le finestre delle loro squallide e fredde abitazioni senza amore, senza morale, a morir d’invidia verso chi ha fatto della libertà il proprio caposaldo.
 
Un’enorme fetta della popolazione, infatti. è convinta che sia tutto lecito e normale, che i governi debbano decidere sulla vita dei cittadini, che questa parte vada a farsi fottere, si vaccini al più presto e non rompa le scatole a quella intelligente, se a questo aggiungo la considerazione del fatto che hanno delegato a questo governo l’autorità sui loro affetti, mi viene da piangere per il nostro paese alla rovina per colpa di questi derelitti umani.
 
Eh si, abbiamo visto i morti per le strade, la pandemenza di questi individui ci ha raggiunto dentro le case ed abbiamo dovuto trasformare le nostre sale da pranzo in camere mortuarie, anzi no, ci hanno bruciato i morti ed è stato giusto così. Loro hanno silenziosamente accettato anche questo. Giusto, c’è la pandemia!
 
Ci hanno chiesto solo un po’ di pazienza, ci riabbracceremo presto cantavano i museruoilati sui balconi a marzo mentre sventolavano bandiere che mai avevano posseduto, comprate per l’occasione, qualcuno ha usato quella che portava allo stadio e da quelle tribune improvvisate cantavano… cantavano la vergogna di un popolo senza morale, di un popolo impaurito, senza spina dorsale, capace di farsi togliere il respiro e di urlare che si, va bene così!
 
Non ci saranno migliaia di persone nelle piazze d’Italia ad assistere alla Messa di mezzanotte il 25 dicembre! Perchè mai dovrebbero? e’ storicamente un’ attivitá inutile, superflua…
 
E la cena con i propri cari per festeggiare l’arrivo del Salvatore, trascorrendo del tempo insieme, anche questa cosa, perchè?
Quando mai si è fatto così, proprio adesso vi viene voglia di riunirvi? Il governo dei farlocchi ha detto che non potete, dovete obbedire. E’ lui che decide quando e come devi vivere, ancora non lo avete compreso?
 
Non è necessario il Natale, non è necessario l’Amore!
 
Abbiamo fatto progressi, la tecnologia ha preso il posto di queste baggianate folkloristiche. Mettetevi in ginocchio, date il deretano al vostro governo e sperate, pregate, perchè si facciano meno tamponi, così diminuiscono i positivi e la curva epidemiologica si abbassa e più in profondità entreranno i membri del governo nei vostri posteriori, pù sarete spoddisfatti e contenti. Urlate pure per il piacere, tanto non vi vede nessuno, le vostre faccie sono nascoste dalle museruole.
Leggi pure:   Quirinale, concluso il Consiglio supremo di difesa con Mattarella: “Conseguenze sociali della crisi rischiano di accentuare i conflitti”
Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.