Davvero credi che la mascherina ti protegga dal Covid? ▷ Guarda cosa dice il più alto livello della scienza

Featured Video Play Icon
Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono in pochi a saperlo, ma esiste una vera e propria gerarchia delle prove scientifiche. Si tratta di una piramide strutturata in più livelli che vanno dalla fonte scientifica più semplice a quella più accreditata. Ciascun livello, a partire da quello più basso, è subordinato al successivo e, naturalmente, ogni livello superiore svolge un ruolo di maggiore importanza rispetto a quello più basso.

Perché è importante conoscere questa struttura? Perché è grazie ad essa che è possibile comprendere a quali teorie si debba fare riferimento parlando dell’efficacia o meno delle mascherine.

Per capire precisamente di che cosa si tratta, Fabio Duranti ha mostrato un grafico in diretta spiegando nello specifico l’utilità di questo sistema. con Francesco Vergovich, sopra il video del suo intervento a ‘Un giorno speciale’.

“Come funziona la ricerca scientifica? Con una piramide. Nella punta più alta c’è lo studio più importante, l’evidenza scientifica più eclatante, quella indiscutibile che come tale non può essere messa in discussione da uno studio sottostante perché è di minore evidenza scientifica. Il punto più basso sono gli studi osservazionali, gli studi su singoli pazienti. Più si sale di livello più lo studio è importante. Qual è lo studio più importante? La meta-analisi sugli studi randomizzati controllati.

Una parte importante della scienza ritiene che siano questi stessi stracci in faccia fonte del contagio. Invece questi signori vogliono fartela indossare anche quando sei da solo in giro con il cane nel parco. Gli studi randomizzati di meta-analisi dagli anni ’50 fino al 2020 ci dicono che la mascherina non serve a fermare le influenze e i coronavirus e che anzi proprio perché il suo utilizzo deve essere controllato in un certo modo può essere gravemente dannosa.

I sostenitori delle maschere semplicemente non hanno i più alti livelli di prove scientifiche a sostegno delle loro argomentazioni. Possono solo citare la scienza di basso livello, studi osservazionali retrospettivi.

Io mi domando: ma perché noi siamo costretti a un TSO sulla base di studi che vengono smentiti dal più alto livello della conoscenza scientifica? Io lo domando a questi grandi dittatori del 2020: ma perché ci volete fare questo?”

Fonte

Vediamo cos’è LA GERARCHIA DELLE PROVE SCIENTIFICHE

La forza delle prove scientifiche prodotte da diversi tipi di studi (ad esempio revisioni sistematiche, meta-analisi, studi controllati randomizzati, ricerche osservazionali, studi sugli animali, studi sulle cellule e opinioni di esperti) può variare. Questa infografica ti aiuterà a capire i vantaggi e le limitazioni dei diversi tipi di prove scientifiche.

Leggi pure:   Il governo si oppone al ricorso: "Il Piano anti-covid resta segreto"

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.