Col nuovo Dpcm pagano i bambini e società dilettantistiche. Ma che colpe hanno?

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I bambini devono aver commesso qualche delitto in un’altra vita o in questa. I bambini devono pagare per colpe non loro e con loro pagheranno le migliaia di società di sport di contatto dilettantistiche, che prima sono state costrette ad “impiccarsi” adeguandosi a legittime (e costose) precauzioni anti Covid e adesso scaricate come appestati da lazzaretto (giusto in tempo dopo aver versato nelle casse delle federazioni i soldi dei tesseramenti): l’essersi adeguate al rispetto delle regole ora è carta straccia.

Palestre e piscine hanno tempo una settimana per adeguarsi ai protocolli di sicurezza, uno sfregio a tutte le società dilettantistiche, in particolare a quelle che praticano sport all’aperto con bambini, le quali passano dalla rilevazione della temperatura a quella della frustrazione.

Il Presidente del Consiglio ha appena terminato la conferenza stampa per annunciare il nuovo DPCM. La sostanza, per i bambini, è questa: volete andare al parco? Procuratevi un cane, andate a giocare, ma se poi vi guardano male o chiamano la Polizia Municipale perché avete peccato non dite che non ve l’avevo detto. La scuola in presenza per ora è salva e se si ritrova così al centro del dibattito è solo merito di un virus. Ancora una volta i bambini rappresentano una minaccia, una rogna, una palla al piede: privarli del diritto al gioco, anche e soprattutto quando questo è all’aperto e non è fonte di crisi epidemica.

Di nuovo ai bambini viene costretto un ruolo da protagonisti, quello che li riduce a cittadini di taglia inferiore. Almeno c’è una buona notizia: potranno bersi uno spritz entro e non oltre la mezzanotte, rigorosamente seduti al tavolo. O precipitarsi a iscriversi in palestre e piscine (sempre se in regola) o, meglio ancora, in qualche sala scommessa (rigorosamente al chiuso).

Leggi pure:   Non esiste altra via d'uscita se non quella del "vaccino"!

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.