Er messaggio!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E io, volendo te posso pure capì,
ma nella vita mia nun devi interferì!

Io mica te sto a dì, de nun mette la mascherina,
pe m’me te poi pure soffocà, fai quello che te piace,
ma nun me venì a rompe li cojoni co’ sta manfrina
che a te de l’artri nun te ne frega niente e me dispiace.

Per questo nun me devi da venì a parlà der senso civico,
che fino ieri, quando nun ce stava sta strana malattia,
a te de l’artri, te lo ripeto, nun t’e mai m’portato un fico
e mò, come un cretino, vorresti venì a comannà a vita mia!

Sei solo un bischello, ma vorresti d’apparì come n’altruista
quanno che l’unica cosa che te fà parlà, che c’hai in testa,
è la paura de schiattà senza capì er perché, improvvisamente
e nun hai capito, che proprio pè questo nun vali niente,

che quanno, nun capendo n’accidente, hai iniziato a spaventarte
quello era er momento giusto che te dovevi da fà in disparte
perchè pe m’me nun sei intelligente; sei n’essere senza coraggio
o, forse ancora non l’hai capito, sto semplice messaggio?

 

Valerio Villari
Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   Milano si ribella [Video]