Il vaccino per il Covid modifica il DNA?

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Secondo un comunicato ufficiale del governo tedesco, la pandemia del Corona Virus non cesserà finché non sarà disponibile un vaccino per la popolazione. Tuttavia, numerosi esperti di alto livello avvertono di un grande pericolo rappresentato dai nuovi vaccini perché interferiscono direttamente con il DNA umano e devono essere sviluppati in fretta e furia. Bill Gates si aspetta 700000 casi di danni da vaccinazione! Tuttavia, i mass media nascondono in gran parte questi pericoli. Ecco perché questo urgente campanello d’allarme non è solo un campanello d’allarme, ma un invito a diffondere questa informazione vitale!

Dopo mesi di massicce restrizioni dei diritti personali, molte persone desiderano tornare alla “vita normale” con tutte le libertà personali. Secondo il ministro federale tedesco della ricerca Anja Karliczek, la chiave per questo ritorno sta solo nello sviluppo di un nuovo vaccino. Secondo il telegiornale tedesco “Tagesschau”, il governo federale prevede di spendere fino a 750 milioni di euro. Un documento sui punti chiave del governo federale tedesco lo puntualizza senza mezzi termini: “La pandemia del Corona finirà quando sarà a disposizione un vaccino per la popolazione.”

Questa bizzarra definizione della fine della pandemia del Corona solleva la questione: è possibile che il lobbista delle vaccinazioni Bill Gates abbia più influenza sul governo di quanto venga ammesso ufficialmente?

Secondo un’intervista rilasciata al canale tedesco ARD il 12 aprile 2020, vorrebbe vaccinare contro il Corona 7 miliardi di persone, quindi quasi l’intera popolazione mondiale. Tuttavia anche Gates ha dovuto ammettere in un’intervista che si aspetta 700.000 casi di danni da vaccino per via del vaccino del Coronavirus. Questa prognosi è probabilmente molto sottovalutata, visti i molti danni irreversibili da vaccino che hanno dovuto essere riconosciuti già dopo la “campagna di vaccinazione contro l’influenza Suina“. Danni come p.es. la narcolessia (una malattia del sonno).

Oggi vi avvisiamo di un pericolo ancora maggiore rappresentato da un nuovo tipo di vaccini contro i virus Corona, perché modificano direttamente il DNA umano. Questi cosiddetti vaccini a RNA potrebbero causare molto più che solo i 700.000 danni da vaccino previsti da Gates. Questa preoccupazione è confermata da un gran numero di esperti.

Eccovi solo due esempi: Il Dr. med. Wolfgang Wodarg è uno specialista polmonare, capo di lunga data di un ufficio sanitario, membro SPD del Bundestag tedesco dal 1994 al 2009, presidente di lunga data della commissione sanitaria del Bundestag e promotore della commissione d’inchiesta sull’influenza Suina. Come medico e politico sanitario dichiara:

“Questa vaccinazione modifica geneticamente la persona che viene vaccinata. Ci agitiamo per le piante e gli animali geneticamente modificati. Ora dovremmo essere modificati geneticamente noi con tali vaccinazioni. Ora miliardi di persone devono essere vaccinate. Questo è assolutamente irresponsabile. Posso solo raccomandare: non fate vaccinare i vostri figli, non fatevi vaccinare con un vaccino prodotto negligentemente in così poco tempo; è affarismo.”

Il professore Dr. Stefan Hockertz è uno scienziato tedesco, che dal 2003 al 2004 era direttore dell’Istituto di Farmacologia e Tossicologia Sperimentale e Clinica, presso l’Ospedale Universitario di Eppendorf. Dal 2004 è indipendente. Egli spiega nel modo seguente il nuovo vaccino a RNA:

Le aziende CureVac e BioNTech, che in Germania hanno un ruolo di primo piano in questi ambiti, hanno pianificato di iniettare direttamente nelle nostre cellule del materiale genetico libero, per poi poterlo leggere dalle nostre cellule. Ciò significa chiaramente una modificazione genetica dell’essere umano. In particolare non sappiamo se questo materiale genetico venga incorporato anche nelle cellule germinali, cioè negli ovociti della donna o negli spermatozoi dell’uomo, e se quindi viene anche ereditato.”

Ovviamente anche i produttori del vaccino sono a conoscenza del rischio di modifiche genetiche, perché i partecipanti alle sperimentazioni cliniche di questi nuovi “vaccini genetici” devono impegnarsi ad una contraccezione rigorosa. Il fatto che non si giochi a carte scoperte con questi irresponsabili “esperimenti genetici” sull’uomo, è anche dimostrato dal fatto che la legge sull’ingegneria genetica non vieta le modifiche genetiche direttamente sull’uomo, ma le esclude per definizione. Per di più il legislatore ha esonerato i produttori del vaccino da qualsiasi responsabilità per i danni da vaccino alla vita e all’incolumità fisica dei cittadini causati da un vaccino raccomandato o decretato. Uno scandalo politico senza precedenti.

Traduzione aautomatica e fonte da: https://www.kla.tv/16935

Leggi pure:   Forlì, agenzia immobiliare vieta l’ingresso con mascherina: “Chi la indossa è un pecorone”

 

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.