IL VALORE DELLA LIBERTA’: Sappiamo ancora apprezzarla?

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si dice spesso che la libertà sia il maggior valore per l’essere umano e che nessuno ha il diritto di ridurlo in schiavitù.

Ma che cos’è la libertà? Di questo termine enigmatico sono state coniate più di 200 accezioni diverse. Difficile da pensare e da definire, la libertà è anche una condizione problematica da vivere e da difendere. La libertà ha in effetti una caratteristica un po’ speciale rispetto ad altri valori, nel senso che essa è ciò che permette la loro esistenza: la libertà ci dà dignità, ci permette di decidere e di prenderci delle responsabilità, di operare delle scelte, ci consente di amare e di essere creativi, di ubbidire senza essere servili, di avere coraggio. Credo davvero che sia la qualità umana che più ci fa assomigliare a DIO!

Il rischio con la libertà è quello di usarla male, di abusarne, di credere che voglia dire “tutto mi è permesso, posso fare quello che mi pare”. E la libertà guidata dal capriccio diventa pura violenza. Se oltre alla libertà non abbiamo anche un senso etico e morale, rischiamo di non preoccuparci delle conseguenze sugli altri di ciò che facciamo. Confucio diceva: Non fare ad altri ciò che non vorresti essere fatto a te stesso. Un altro legame positivo è rappresentato da disciplina e ubbidienza che non sono, come saremmo portati a dire d’istinto, l’opposto della libertà, ma una sua componente fondamentale: pensiamo all’ubbidienza alla legge (ALLA LEGGE… N.d.R.), che in una società è l’unico elemento che permette la libertà di tutti.

Leggi pure:   Perché chi ha dubbi sul vaccino da Covid-19 dovrebbe essere ascoltato e non deriso

Poi c’è l’amore. Pensateci: è il vertice e la fonte della libertà. Nessuno può essere costretto ad amare, né a smettere di amare. La libertà è un valore enorme perché significa prendersi delle responsabilità, rispondere delle proprie azioni, agire e scegliere in ogni circostanza, senza delegare ad altri quello che invece spetta sempre a noi fare. Senza libertà non possiamo vivere, anche se vivere liberi significa anche essere capaci di autolimitarsi per il bene comune.

La libertà è buona, fragile, estremamente preziosa. Era Voltaire, o forse qualcun altro, che diceva: “Non condivido quello che dici, ma mi batterò fino alla morte affinché tu possa essere libero di dirlo” (…ed in questo periodo falso-pandemico, la libertà di parola è divenuta mera utopia. N.d.R.). E’ difficile mettere un ideale davanti ai propri interessi immediati, è difficile combattere per il bene comune. Egoisticamente siamo portati a pensare a noi stessi. Ma se questo tipo di attitudine non si esercita attraverso l’educazione, che fine mai può fare la convivenza civile?

Ho estrapolato questi pensieri dal libro “I Legami della Libertà” di Michela Dall’Aglio Maramaotti che credo rappresentino quanto di più positivo di questo valore spesso dimenticato e forse da alcuni troppo abusato.

Aggiungo che nella dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America dalla Gran Bretagna, Thomas Jefferson elencava i diritti inalienabili di ogni uomo e cioè la tutela della vita, della libertà e della ricerca della felicità, per questo ho inserito sulla foto la statua della Libertà: per gli americani, che la chiamano affettuosamente Lady Liberty, essa rappresenta non solo un simbolo ma l’insieme di tutti gli ideali, i sogni, le speranze ed i sentimenti che hanno contribuito a far grande quel paese pur con tutte le anomalie e le contraddizioni che oggi vive.

Leggi pure:   Enrico Montesano non si tocca

Ho trovato questo testo tra mie vecchie stampe, non so chi lo abbia scritto, nè ricordo da quale sito lo abbia estrapolato; se qualcuno ne fosse a conoscenza, me lo faccia sapere e sarò bene lieto di attribuirgliene la proprietà! In ogni caso lo ritengo molto attuale e credo che molti di noi debbano riflettere su queste parole.
(Valerio Villari)

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.