In provincia di Como un ricoverato chiede il Plasma Iperimmune; il comitato etico nega il consenso

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

San Fermo della Battaglia
Grave al Sant’Anna per covid chiede plasma iperimmune: il comitato etico dice no

C’è una speranza per i malati di covid che faticano a rispondere alle terapie suggerite dai protocolli sanitari: si chiama plasma iperimmune. E’ ormai noto che in alcuni ospedali – Mantova e Pavia – il plasma donato da pazienti che si sono immunizati al virus viene utilizzato con risultati efficaci in numerosi casi. E’ una speranza, questa, che però viene preclusa ai malati che si trovano ricoverati in altre strutture, come l’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia. Recentemente sul tavolo del comitato etico sono arrivate le richieste per adottare la terapia a base di plasma iperimmune. L’ospedale di Pavia si è detto disposto a fornirlo, l’ospedale Sant’Anna si è detto disposto a riceverlo e a utilizzarlo, ma previo via libera del comitato etico dell’Insubria al quale fanno riferimento Le seguenti strutture: ASST dei Sette Laghi,  ASST della Valle Olona, ASST Lariana e ATS dell’Insubria.

La richiesta giunta sul tavolo del comitato etico era per l’utilizzo del plasma come cura compassionevole su un anziano in gravi condizioni. La famiglia del paziente dopo essersi interessata alla terapia con plasma è riuscita a mettere in comunicazione gli ospedali pavese e comasco, ma per motivi che non sono stati ancora resi noti il Comitato etico dell’Insubria ha negato questa possibilità.

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   Il virus (dal latino veleno) nell’ordinamento costituzionale italiano.