La paura nera degli Italiani – “meglio sudditi che morti”

Featured Video Play Icon
Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto del Censis, il 54° nel quale è dichiarato esplicitamente che per la maggiornaza degli italiani ha vinto la logica del “meglio sudditi che morti”. Uno spaccato della società che la dice lunga sugli effetti di questa pandemenza psico-sociale e di come il potere stia vincendo su tutti i fronti a meno che non si prendano provvedimenti tali da capovolgere la situazione!
Dal video integrale della conferenza ho selezionato quella parte relativa ai dati che ritengo più raccapriccianti, chi volesse vedere la versione integrale può farlo attraverso questo link: https://youtu.be/EyCSVWCQa1M

Il capitolo «La società italiana al 2020»
del 54° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese

 

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   Duci terra mia! Dalla voce di Rosa Balistreri