LOCKDOWN LUNACY 4.0: l’illusione del controllo

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La storia che racconterò ai miei nipoti un giorno sarà più o meno questa:

Un regime totalitario, la Cina, è andato fuori di testa e ha bloccato un’intera città quando hanno scoperto un nuovo virus. La maggior parte dei leader mondiali, buttando fuori un secolo di sudate conoscenze su come gestire le epidemie di malattie infettive, hanno finito per fare la stessa cosa in una settimana di panico alimentata da modelli di morte inventati e creati da persone con titoli di studio fantasiosi. Quando iniziarono ad emergere sia i dettagli che le previsioni originali e i tassi di mortalità erano esagerati, la maggior parte dei leader ha raddoppiato politiche stupide, non volendo riconoscere un’ovvia verità: i governi non fermano i virus. Invece, hanno continuato a portare le loro popolazioni incredibilmente acquiescenti in una caccia al beccaccino lunga un anno. Per fortuna, alcuni paesi e stati degli Stati Uniti hanno preso una strada diversa, rendendo possibile un mondo senza queste politiche ridicole evidenziandone l’idiozia.

Italia: ha fatto tutto bene… e ora il virus è tornato?

Nel Daily Beast di ieri , il titolo racconta tutta la storia:
L’ Italia ha fatto tutto bene per fermare una seconda ondata di Coronavirus. Allora cosa è andato storto? L’articolo spiega:

La cosa particolarmente preoccupante del ritorno del COVID in Italia è che il paese ha fatto tutto ciò che esperti come il dottor Anthony Fauci hanno consigliato. Le maschere per il viso nei luoghi pubblici sono obbligatorie da mesi, l’allontanamento sociale è fortemente imposto, i locali notturni non hanno mai riaperto e le arene sportive accolgono per meno di un terzo della capacità. I bambini che tornano a scuola vengono regolarmente testati e strettamente a distanza sociale, eppure la seconda ondata sembra completamente inarrestabile.

Quindi aspetta. L’Italia sta seguendo, più rigorosamente, le tante raccomandazioni che vengono fatte dai Governatori e dai funzionari della sanità pubblica qui negli USA, eppure il problema sta peggiorando? L’articolo continua:

Pur escludendo un altro blocco totale, i funzionari sanitari italiani stanno invece esortando le persone a limitare i propri movimenti, anche se cresce la preoccupazione che tenendoli a casa, incoraggino inavvertitamente feste private dove la diffusione sembra essere la peggiore al momento. Il ministero della Salute italiano ha pubblicato questa settimana i dati che mostrano che l’80,3% delle nuove infezioni “si verifica a casa”, mentre solo il 4,2% proviene da attività ricreative e scuole.

Ho trovato questo articolo incredibilmente onesto per una pubblicazione piuttosto diffusa, e la conclusione per chiunque abbia la capacità di pensare in modo indipendente è abbastanza ovvia: non puoi fermare un virus. E, per ragioni che sono sicuro che gli psicologi analizzeranno nei decenni a venire, sia i vostri concittadini che molti politici sembrano soffrire di una condizione profondamente distruttiva: l’illusione del controllo. L’ articolo del Daily Beast si conclude con una triste affermazione che penso che presto ogni americano si renderà conto che è vera anche per tutti noi: Ma per molti, i sacrifici fatti durante il primo round sembrano ormai perduti, come se fossero stati fatti invano.

Un paio di grafici dall’Europa


Il vero scopo di questo articolo è condividere con voi una serie di fatti che dimostrano quanto sia completamente ridicola QUALSIASI restrizione sulle nostre vite, ma prima di farlo voglio solo che guardiate un paio di grafici veloci questo vi darà una prospettiva più ampia su ciò che sta realmente accadendo in Europa in questo momento. Inizierò con la Repubblica Ceca, un paese che è stato assolutamente LODATO per il blocco aggressivo. È corretto dire che la Repubblica Ceca è stata considerata un modello virtuoso di grande governo e obbedienza dei cittadini. Il Washington Post ha sicuramente considerato la Repubblica Ceca il modello da seguire, e il Primo Ministro della Repubblica Ceca è stato più che felice di dare una lezione al presidente Trump in un tweet il 28 marzo:

 

Nel frattempo, la Svezia è stata criticata per la sua risposta follemente leggera al COVID, che ha portato a questo grafico. Ditemi dove preferireste vivere adesso:

In particolare, pesa nel recente panico sull’Italia, unendo due grafici che chiunque può cercare da solo sul sito Web di Worldometers . Ecco qui:

Avete notato qualcosa? In primo luogo, il recente aumento dei decessi in Italia è MINIMO rispetto a quello che l’Italia ha affrontato la scorsa primavera. In secondo luogo, il rapporto tra casi e decessi è MOLTO diverso da quello che era anche in primavera. In effetti, studiare i dati dall’Italia potrebbe aiutarci a capire molti degli errori che i nostri leader stanno facendo qui negli Stati Uniti in questo momento. In molti casi, tutto ciò che abbiamo fatto è ritardare l’inevitabile. E, soffrendo l’illusione del controllo, alcuni dei nostri leader credono sinceramente che in qualche modo le loro azioni spegneranno questo virus, come se ciò fosse mai stato fatto o fosse addirittura possibile. Farò riferimento all’Italia più tardi, ma mettiamoci al passo con i fatti più importanti sul COVID fin da ora e su come DOVREBBERO dettare la politica, ma nella maggior parte dei casi semplicemente non fanno.

Fatto n. 1: il tasso di mortalità per infezione di COVID-19 è a) circa lo 0,23% per la popolazione e b) notevolmente diverso a seconda dell’età, scendendo a 1 su 33.000 per gli 0-19 anni.

Il 14 ottobre 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato uno studio peer-reviewed di John Ioannidis della Stanford University che ha esaminato 61 studi separati che hanno stimato il tasso di mortalità per infezione di COVID-19. Qual è la risposta? 0,23% per tutti e drasticamente inferiore per chi ha meno di 70 anni.

È difficile contestualizzare tutto questo, ma ecco la linea di fondo: chiudere la società per una malattia con un IFR dello 0,23% su tutta la popolazione (circa 2 decessi per ogni 1.000 persone infette) e quasi zero per i giovani. Se non siete soddisfatti di questo articolo, anche se si tratta di una meta-analisi sottoposta a revisione paritaria, il nostro CDC ha spiegato la differenza di IFR in base all’età e i numeri sono piuttosto incredibili:

Voglio inserire l’IFR per una persona nella fascia di età 0-19 nel contesto. SE sono infettati da COVID, le loro probabilità di morire sono dello 0,003%. Cosa significa? Se 33.000 persone di età compresa tra 0 e 19 anni fossero state infettate da COVID, UNA morirebbe. Per quelli di voi che mettono la mascherina ai propri bambini e li inzuppano nel disinfettante per le mani, penso che possiate rilassarvi!

Leggi pure:   DAL COVID-19 SI GUARISCE: I DATI CHE NON FANNO MALE

Quel che è peggio dell’IFR e del numero totale di morti per COVID è che è molto probabile che siano entrambi molto sopravvalutati, a causa del modo in cui testiamo il COVID.

Fatto # 2: i test PCR “gold standard” che stiamo utilizzando per COVID probabilmente sovrastimano il numero di casi COVID (e quindi di decessi) fino a 10 volte !!

I dettagli sui test PCR e sui loro limiti estremi sono stati evidenziati per la prima volta in questo articolo sul NY Times . Quando ho letto l’articolo per la prima volta ho pensato: “Questo è tutto! Dovranno rivedere tutti i numeri e smettere di testare tutti! ” Gli esseri umani sono persone semplici. Sono abituati al “sì” o al “no” di un test COVID, tutti possono ottenerlo: o “hai” il COVID o non hai il COVID. Ma il test che stiamo usando, chiamato test PCR, è MOLTO più complicato di così, come spiega l’articolo:

Il test PCR amplifica la materia genetica del virus in cicli; minore è il numero di cicli necessari, maggiore è la quantità di virus, o carica virale, nel campione. Maggiore è la carica virale, maggiori sono le probabilità che il paziente sia contagioso.

Questo numero di cicli di amplificazione necessari per trovare il virus, chiamato soglia del ciclo, non è mai incluso nei risultati inviati ai medici e ai pazienti affetti da coronavirus, sebbene possa indicare loro quanto siano infettivi i pazienti.

In tre serie di dati di test che includono soglie di ciclo, compilati da funzionari in Massachusetts, New York e Nevada, fino al 90% delle persone risultate positive al test non portava quasi nessun virus, secondo una recensione del Times.

Sì, avete letto bene, l’ha fatto davvero. Il NY Times ha riferito che il 90% dei test PCR positivi esaminati “conteneva a malapena forme di virus”. Questo rende semplicemente incredibile e inconcepibile che questa notizia non abbia cambiato tutto sul modo in cui monitoriamo sia i casi COVID che i decessi. Nello stesso articolo, la virologa dell’UC-Riverside Dr. Juliet Morrison, commentando il numero di cicli che i test PCR stanno attualmente utilizzando (40), ha osservato: “Sono scioccata dal fatto che la gente pensi che 40 potrebbe rappresentare un positivo”. Sono rimasto scioccato quando ho capito le implicazioni di ciò che stava dicendo Morrison, mentre l’articolo descrive:

Un limite più ragionevole sarebbe da 30 a 35, ha aggiunto. Il dottor Mina ha detto che avrebbe fissato la cifra a 30, o anche meno. Questi cambiamenti significherebbero che la quantità di materiale genetico nel campione di un paziente dovrebbe essere da 100 a 1.000 volte quella dello standard attuale affinché il test restituisca un risultato positivo – almeno, su cui valga la pena agire.

Come colloco questa rivelazione nel giusto contesto? Fortunatamente non devo, perché il Times l’ha fatto per me, quando le autorità sanitarie del Massachusetts hanno esaminato i dati dei loro test interni:

In Massachusetts, dall’85 al 90% delle persone che sono risultate positive a luglio con una soglia del ciclo di 40 sarebbero state ritenute negative se la soglia fosse stata di 30 cicli, ha detto la dott.ssa Mina. “Direi che nessuna di queste persone dovrebbe essere rintracciata, nemmeno una”, ha detto.

Stupefacente. Potremmo caratterizzare in modo errato fino al 90% dei casi COVID attualmente positivi (e quindi decessi) utilizzando un test che è troppo sensibile, dove la maggior parte delle persone testate con PCR positive non hanno possibilità di infettare nessun altro. Se il numero è del 40%, 50% o 90% è probabilmente oggetto di dibattito, il FATTO che stiamo massicciamente sovrastimando casi e decessi a causa del test PCR non lo è. Ripensiamo per un attimo a quella carta dell’Italia, quella che mostra casi (accertati da un test PCR) in forte aumento, ma solo un accenno al cambiamento dei decessi.

Un massiccio aumento del numero di persone sottoposte a test, combinato con un test troppo sensibile, non potrebbe spiegare perché molti lo chiamano “casedemico” derivato dal test PCR? Diamo un’occhiata ai casi e ai decessi di New York disposti allo stesso modo dell’Italia. Recentemente ci sono state critiche sul fatto che New York abbia avuto un aumento dei casi, ma vediamo lo stesso fenomeno. Sembra che i test PCR stiano servendo a esagerare notevolmente la scala di COVID.

Fatto n. 3: nel mondo occidentale, il tasso di mortalità generale, il modo più ragionevole per misurare l’impatto di COVID, si è normalizzato, mostrandoci che la “pandemia” è finita. FINITA!

Quando si discute sui test PCR, indipendentemente dal fatto che qualcuno sia morto “di” COVID o “con” COVID, l’unica misurazione realistica dell’impatto di una pandemia è nota come “Tasso di mortalità generale”. Il noto epidemiologo britannico William Farr ha capito molto tempo fa che solo confrontando le morti totali con le morti dell’anno precedente si poteva accertare se una malattia infettiva avesse o meno un impatto enorme sul tasso di mortalità di una popolazione. Allora, com’è la mortalità per tutte le cause in questo momento? Cominciamo con l’Europa, dove questo sito web raccoglie dati per 24 paesi europei separati, ecco i loro dati più recenti:

Cosa dicono i dati? In Europa, non c’è più alcun picco di decessi rispetto agli anni precedenti. La pandemia è finita.

Negli Stati Uniti, il CDC conserva i dati sulle morti in eccesso, puoi leggerlo tutto qui e questo grafico offre la migliore visuale di quanto siamo tornati alla normalità.

Ma aspettate, non si parla di picchi di casi di COVID negli Stati Uniti? Non è stato anche menzionato nel dibattito presidenziale? In effetti, come esempio, il governatore dell’Ohio si lamenta di casi di aumento in questo momento e minaccia di chiudere alcune scuole . Ma cosa dicono effettivamente i numeri: come può il COVID essere ancora un problema se i dati in eccesso del CDC mostrano un ritorno alla normalità? Controllate i numeri dell’Ohio . I casi stanno effettivamente aumentando, il che potrebbe essere facilmente causato da a) ulteriori test eb) la debacle PCR già discussa. Le morti, tuttavia, rimangono estremamente basse in Ohio, da molti giorni ad una sola cifra.

Leggendo questo articolo ieri sulla Repubblica dell’Arizona , pensereste che anche l’Arizona abbia avuto un problema serio, giusto? L’articolo dice:

L’Arizona, ci viene detto, è in un “punto cruciale” per ilCOVID-19. Il numero di casi è di nuovo in  aumento , il virus si sta nuovamente  diffondendo  e le proiezioni suggeriscono che più persone –  persone le cui vite potrebbero essere salvate  – presto moriranno se qualcosa non cambia.

“Attualmente i numeri stanno crescendo in Arizona”, ha avvertito Joshua LaBaer, ​​che dirige gli sforzi di ricerca COVID-19 della Arizona State University, “e la mia speranza è che possiamo impedire che raggiunga il livello in cui era in estate”.

Sembra piuttosto spaventoso, vero? Se viveste in ​​Arizona e questa fosse la vostra unica fonte di informazioni, potreste essere nervosi. Ma, guardate i dati dell’Arizona , sono chiaramente alla fine della loro curva della morte:

Leggi pure:   Tragicamente ridicolo

Fatto n. 4: la soglia di immunità del gregge (“HIT”) per COVID è del 10-20%, non del 60-70% spesso citato dai media mainstream

Sta diventando sempre più chiaro che l ‘”HIT” di COVID è molto probabilmente nel range del 10-20%, piuttosto che nel range del 60-70% originariamente pensato. Sarebbe impossibile sopravvalutare l’importanza di questa differenza, perché supporta esattamente PERCHÉ il COVID ha già raggiunto l’immunità di gregge nella maggior parte dell’Europa e PERCHÉ abbiamo quasi finito anche qui negli Stati Uniti. Ecco un documento, le soglie di immunità di gregge per SARS-CoV-2 stimate dalle epidemie in corso . La loro conclusione:

Le nostre inferenze si traducono in soglie di immunità di gregge intorno al 10-20% … questi risultati hanno profonde conseguenze per il governo dell’attuale pandemia dato che alcune popolazioni potrebbero essere vicine al raggiungimento dell’immunità di gregge nonostante siano sotto misure di allontanamento sociale più o meno rigorose.

La conclusione che l’HIT di COVID sia compreso tra il 10 e il 20% sta guadagnando ampia accettazione e viene confermata nel mondo reale poiché i paesi di tutto il mondo stanno guardando le morti da COVID semplicemente prosciugarsi, poiché il virus esaurisce le nuove persone da infettare. La spiegazione ovvia del PERCHÉ l’HIT per COVID è molto più basso di quanto si pensasse è che molti di noi sono naturalmente immuni al COVID, perché i nostri linfociti T trasportano l’immunità basata sul fatto che siamo stati tutti esposti a molti virus corona, che è comunemente chiamato raffreddore. La mia scienziata schietta preferita su questo tema è la dottoressa Sunetra Gupta di Oxford, date un’occhiata a questa intervista dal titolo, ” Potremmo già avere l’immunità di gregge – un’intervista con il professor Sunetra Gupta. ” Una citazione:

Quello che non mi aspettavo è che alcune delle nostre risposte alla precedente esposizione ai coronavirus stagionali potessero effettivamente proteggerci dalle infezioni. Una cosa è essere infettati e non ammalarsi, ma ciò che i nuovi studi stanno dimostrando è che le persone stanno effettivamente combattendo l’infezione. Quindi, a un livello ancora più elementare, gli anticorpi preesistenti o le risposte dei linfociti T contro i coronavirus sembrano proteggere dalle infezioni, non solo dall’esito dell’infezione.

Fatto n. 5: la portata dell’errata percezione del rischio intorno al COVID da parte di molti giovani americani è fuori scala, fomentando paure inutili e prolungando l’impegno nel “teatro della salute”

Vivo a Portland, Oregon. Vado in bicicletta un paio di volte a settimana. Il numero di giovani (sotto i 30) abitanti dell’Oregon che vedo andare in bicicletta da soli con una maschera è nauseabondo. Queste persone pensano onestamente che la loro vita sia a rischio? Sì, lo fanno, come questo inquietante sondaggio di Franklin Templeton ha reso fin troppo chiaro:

La discrepanza con i dati sulla mortalità effettiva è sbalorditiva: per le persone di età compresa tra i 18 ei 24 anni, la quota di coloro che sono preoccupati per gravi conseguenze per la salute è 400 volte superiore alla quota dei decessi totali per COVID; per i 25-34 anni è 90 volte superiore. Il grafico qui sotto vale davvero più di mille parole:

Il “teatro della salute” a cui stiamo tutti partecipando può accadere solo se gli americani lo lasciano accadere. L’incapacità di inquadrare il rischio nella giusta prospettiva è la ragione principale per cui così tanti comportamenti apparentemente irrazionali continuano: le persone pensano che il loro rischio di morire per COVID sia drammaticamente più alto della realtà. (E i media non fanno nulla per aiutare le persone a comprendere meglio il proprio rischio.)

Fatto # 6: mantenere le scuole chiuse non è supportato dalla scienza, e anche il NY Times lo ha capito, meglio tardi che mai!

Con mio grande shock, questo articolo è apparso ieri sul New York Times . Afferma:

Finora, le scuole non sembrano alimentare la trasmissione comunitaria del coronavirus, secondo i dati emersi da test casuali negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Soprattutto le scuole elementari sembrano seminare un numero notevolmente ridotto di infezioni … “Più dati vedo, più mi sento a mio agio sul fatto che i bambini non guidino la trasmissione, specialmente negli ambienti scolastici”, ha detto Brooke Nichols, un esperto di malattie infettive presso la Boston University School of Public Health.

Da un lato, fantastico, stiamo finalmente vedendo la stampa mainstream riconoscere qualcosa che è ben nota da molto tempo. D’altra parte, lo sappiamo da molto tempo! Considerate quello che sapevamo già prima dell’INIZIO dell’ estate:

  • Reuters ha riferito a fine maggio che “la riapertura delle scuole in Danimarca non ha peggiorato l’epidemia, i dati mostrano”. Ecco una citazione:“Non si possono vedere effetti negativi dalla riapertura delle scuole”, ha detto giovedì a Reuters Peter Andersen, dottore in epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive presso il Danish Serum Institute. In Finlandia, un alto funzionario ha annunciato mercoledì risultati simili, senza dire che finora nulla suggerisse che il coronavirus si fosse diffuso più velocemente da quando le scuole hanno riaperto a metà maggio.
  • A metà maggio, The Telegraph ha riferito che “è la paura, non la scienza, che impedisce ai nostri figli di essere istruiti” , ecco una citazione:C’è poco sul  coronavirus di  cui possiamo essere assolutamente sicuri – questa è una malattia nuova di zecca e la nostra conoscenza cresce di giorno in giorno – ma la maggior parte delle prove disponibili finora suggerisce fortemente che i bambini non soffrono di coronavirus né lo diffondono. Studi in Corea del Sud, Islanda, Italia, Giappone, Francia, Cina, Paesi Bassi e Australia concordano sul fatto che i giovani “non sono coinvolti in modo significativo nella trasmissione di Covid”, nemmeno ai genitori e ai fratelli. Paranoia degli adulti, alimentato dalla messaggistica governativa esagerata, dall’intransigenza sindacale e dalle connessioni mediatiche, viene ora inflitto ai membri più giovani della nostra società a cui il virus rappresenta una minaccia così piccoli scienziati lo definiscono “statisticamente irrilevante”. Al posto delle filastrocche, i bambini misti potrebbero presto essere invitati a cantare qualcosa chiamato la “canzone dei due metri” mentre allungano le braccia per tenere a bada i loro amici.
  • Science (28 maggio) pubblicato dall’Irlanda del Nord mostra chiaramente che gli scolari NON servono come vettori per COVID-19. Intitolato, Nessuna prova di trasmissione secondaria di COVID-19 da parte dei bambini che frequentano la scuola in Irlanda, 2020 , lo studio non potrebbe essere più chiaro:“Questi risultati suggeriscono che le scuole non sono un ambiente ad alto rischio per la trasmissione di COVID-19 tra gli alunni o tra il personale e gli alunni. Dato l’onere della chiusura delineato da Bayhem [ 4 ] e Van Lanker [ 5 ], la riapertura delle scuole dovrebbe essere considerata come una misura precoce piuttosto che tardiva nella revoca della restrizione “.
  • E, a fine maggio, il Wall Street Journal stava dicendo la stessa cosa, in questo articolo intitolato È sicuro riaprire le scuole? Questi paesi dicono di sì. Un estratto:“Ma Danimarca, Austria, Norvegia, Finlandia, Singapore, Australia, Nuova Zelanda e la maggior parte degli altri paesi che  hanno riaperto le aule  non hanno avuto focolai nelle scuole o negli asili nido … In Danimarca, l’apertura delle scuole non ha avuto alcun impatto sui progressi dell’epidemia, ha detto Tyra Grove Krause, un alto funzionario dello State Serum Institute, l’agenzia di controllo delle malattie del paese … Da quando l’Austria ha riaperto il 18 maggio, non è stato osservato alcun aumento delle infezioni nelle scuole e negli asili, ha detto un portavoce del governo … In Norvegia, il governo non chiuderà più le scuole anche se il numero di casi inizierà ad aumentare nel paese perché non ci sono state conseguenze negative dalla riapertura delle scuole il 20 aprile, ha affermato il ministro dell’Istruzione Guri Melby “.

Tra quello che sappiamo dell’IFR per i bambini – è quasi zero – e il successo di MOLTI altri paesi che hanno aperto le loro scuole, è semplicemente inconcepibile che al momento tutte le scuole in America non siano aperte.

Leggi pure:   AVV. LINDA CORRIAS COMMENTA SENTENZA GIUDICE TUTTI I DPCM DI CONTE SONO NULLI, L'EMERGENZA SANITARIA E' ILLEGITTIMA

Fatto # 7: la cavalleria è finalmente arrivata! Abbiamo scienziati, governatori e interi paesi che cercano di incoraggiare il mondo a tornare alla sanità mentale

Ecco solo alcuni dei miei esempi recenti preferiti di coraggio e logica da cui spero tu possa trarre conforto dal sapere che non siete le uniche persone razionali rimaste in questo pazzo mondo.

Dott. Scott Atlas

Ottimo articolo di The Spectator :

Atlas è una minaccia unica perché si oppone pubblicamente e apertamente a un secondo blocco, sostenendo invece la riapertura di gran parte del paese e l’attuazione di misure mirate per proteggere le persone ad alto rischio. I critici attaccano il suo passato, sostiene Atlas, come una “scusa” per scartare la sua posizione. ‘Sono un esperto di politiche sanitarie. Faccio politica sanitaria da 15 anni “, ha detto Atlas. ‘Non sono qui per fare l’epidemiologo. Sono qui per essere una persona di politica sanitaria che comprende e può guardare, con occhio critico, la scienza, nonché interpretare la scienza in una posizione di politica sanitaria “.

La dichiarazione di Great Barrington

È la cosa migliore in assoluto, dai un’occhiata . Se non ne hai sentito parlare, dai la colpa ai media mainstream. Ecco la dichiarazione, ora firmata da 11.000 scienziati, 30.000 medici e mezzo milione di cittadini da tutto il mondo:

Governatore Ron DeSantis

Se non avete mai visto il governatore della Florida Ron DeSantis, prenditi il ​​tempo per farlo, è stato un guerriero della verità dal primo giorno e la Florida è uno dei nostri stati più “liberi” in questo momento grazie a lui.

Governatore Kristi Noem

C’è uno stato più libero del Sud Dakota? Non probabile, e ancora una volta, dipende dalla leadership di una persona: il governatore Kristi Noem. Guardala in azione!

Grazie, Svezia, fai sembrare il resto del mondo, specialmente gli Stati Uniti, straordinariamente stupido nel modo in cui ci siamo avvicinati a COVID. Ecco un semplice articolo che spiega tutto. Un estratto:

La maggior parte dei critici ha condannato gli svedesi per aver osato essere diversi andando contro il modello di blocco. Tuttavia, il fatto è che la Svezia stava facendo ciò che è stato fatto in tempi di pandemia dall’inizio della civiltà. Hanno fornito le migliori informazioni sanitarie possibili al pubblico, protetto gli anziani e consentito alle persone di prendere le proprie decisioni.

In conclusione

La pandemia è finita, è probabile che venga mantenuta in vita solo attraverso test imperfetti. L’idea di “bloccare” una società per combattere un virus, credo, diventerà una delle decisioni politiche più folli nella storia dell’umanità. Il fatto che QUALSIASI restrizione rimanga in vigore a questo punto è solo il risultato di politici troppo timorosi per ammettere di aver commesso un errore. Fortunatamente per tutti noi, i fatti chiari e i leader emergenti che mostrano grande coraggio, si spera, ci porteranno fuori da questa oscurità il prima possibile.

Informazioni sull’autore: JB Handley è l’autore di best seller How to End the Autism Epidemic . Si è laureato con lode presso la Stanford University e attualmente è membro amministratore di Bochi Investments , una società di investimenti privati.

Link all’articolo: https://jbhandleyblog.com/home/lockdownlunacyfour
Link alla fonte: https://www.databaseitalia.it/lockdown-lunacy-4-0-lillusione-del-controllo/

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.