Maria Rita Gismondo: “Niente panico, la situazione è sotto controllo”

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La direttrice del Laboratorio di Microbiologia dell’Ospedale Sacco di Milano: “Cerchiamo di mantenere la situazione così come è oggi”

Maria Rita Gismondo
Maria Rita Gismondo

La direttrice del Laboratorio di Microbiologia dell’Ospedale Sacco di Milano, Maria Rita Gismondo, ospita a Porta a Porta ha sottolineato come l’attuale boom di contagi non deve spaventarci: “No panico, attenzione dovuta ma fortunatamente la situazione di oggi è completamente diversa rispetto ai mesi in cui avevamo lo stesso numero di contagiati ma una situazione in quanto a malattie infettive e letalità”.

“Cerchiamo di mantenere la situazione così come è oggi – ha aggiunto – questo ci permetterà di rimanere attivi e ricominciare una vita quasi normale e pagare il minor prezzo possibile nella convivenza con il virus”.

Fonte: WEB

 

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   VACCINO: IL GRANDE FALLIMENTO DELLO SPOT DEL GOVERNICCHIO