Morani accende Twitter: “Tamponi sono gratis e banchi servivano”

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cosa significherebbe “gratis”? Chi ha pagato questi tamponi ai produttori, signora sottosegretario? Forse lei o il Conticchio di tasca propria? E perchè continuate ad arrampicarvi sui muri relativamente ai banchi a rotelle? Perchè non ammettete di avere fatto una stronzata o, forse avete dimenticato a chi avevata assegnato l’appalto? La smetta, signora sottosegretrio di dire dabbenaggini e dia le dimissioni, lei unitamente a tutto l’esecutivo: avete sorpassato ogni limite di decenza umana.

Da ADNKronos:

Banchi a rotelle e tamponi fanno schizzare Alessia Morani in cima alle tendenze di Twitter. La deputata del Pd, sottosegretaria di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico, diventa il tema di migliaia di messaggi dopo le dichiarazioni a Stasera Italia. “Vorrei dire ai telespettatori che sono styati processati in Italia oltre 18 milioni di tamponi gratuiti. Un italiano su 5 ha effettuato un tampone gratuito. L’Italia è uno dei paesi europei che in base alla popolazione ha effettuato più tamponi e quelli del servizio sanitario nazionale sono gratuiti. Un italiano su 5 che fa il tampone gratuito è un dato importante”, dice Morani, provocando la reazione di Augusto Minzolini e Davide Desario, ospiti della trasmissione. Nel mirino degli utenti di Twitter, però, finiscono soprattutto le parole della parlamentare in relazione ai celeberrimi banchi a rotelle. “I due milioni e mezzo di banchi acquistati servono da almeno 10 anni. Fino a qualche tempo fa, i ragazzoni che vanno alle superiori e che devono stare seduti nei banchi dei piccoli, dal punto di vista ergonomico non ci possono stare. Per fortuna sono stati acquistati i banchi”, dice.

 

Leggi pure:   Il fallimento di IMMUNI
Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.