Patentino Vaccinati? No, meglio un’App – Il governo ci riprova!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vaccini, il governo studia l’app per il tracciamento e il patentino

L’app non servirà solo a certificare l’avvenuta vaccinazione. Entrerà in gioco infatti anche nella fase precedente e permetterà pure di dialogare con la Sanità pubblica.

Nonostante in Italia il piano della tracciabilità via app sia stato velocemente sopraffatto dal virus, dando di fatto inizio alla seconda ondata che ci stiamo lasciando alle spalle solo ora, l’esecutivo ha deciso di seguire ancora la via dell’app da integrare nel piano di vaccinazione di massa che partirà nel 2021. Sarà una nuova app per il tracciamento, questa volta dei vaccinati, che conterrà quel patentino di cui parlò, qualche settimana fa, il commissario all’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri.

Una app per il tracciamento vaccinale

Il factotum di tutto ciò che riguarda l’affaire Coronavirus, Domenico Arcuri, aveva infatti spiegato che sebbene «per ora non è previsto l’obbligo» di vaccinarsi, «auspichiamo di vaccinare una parte importante della popolazione nel primo semestre o entro il terzo trimestre del 2021. Ma non conosciamo quanti italiani vorranno farsi il vaccino». Per questo: «Stiamo progettando una piattaforma informatica che consentirà di gestire la verifica della somministrazione per sapere come si chiamano le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto, per seguire la tracciabilità dei beni sul territorio.» Mentre sull’ipotesi di un patentino per il vaccino: «sarà possibile e sarà il ministero della Salute a stabilire come».

Cosa sarà l’app per il tracciamento dei vaccini

Ma l’app non fungerà solo da patentino per certificare l’avvenuta vaccinazione. Entrerà in gioco infatti anche nella fase precedente e permetterà pure di dialogare con la Sanità pubblica. Insomma, chi la scarica potrà, via smartphone, fissare l’appuntamento con la propria ASL e mettersi in lista per il giorno e il luogo di inoculazione della dose. Ma anche ricevere, sempre sul cellulare, notifiche sulla data del richiamo e comunicare in tempo reale anche eventuali reazioni avverse.

Leggi pure:   Covid, "Lockdown per tutta l'Italia": la richiesta dell'Ordine dei Medici

I dati raccolti dall’app per il tracciamento dei vaccinati permetteranno invece al governo di assemblare e avere a disposizione un registro elettronico di chi si è sottoposto al vaccino che non solo permetterà di procedere con eventuali restrizioni in tempo reale per chi non dovesse o volesse farlo, ma soprattutto agevolerà la farmacovigilanza. Ci si chiede, dopo i recenti inciampi dell’App IO con l’Extra Cashback di Natale e del fallimento di Immuni, se l’esecutivo si stia preparando a evitare nuove cadute da day-one, se anche per accedere a quell’app per il tracciamento occorrerà prima munirsi di SPID o CIE ma, soprattutto, se renderà il database che intende costruire a prova di attacco informatico, visto che conterrà dati molto sensibili.

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   Il ribrezzo e la vergogna