Quando il consigliere del ministrello Speranza era una negazionista!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vi ricordate delle parole di Walter Ricciardi a inizio pandemia, 10 marzo 2020?

“Le mascherine non hanno nessuna protezione nei confronti del virus, che passa attraverso la mascherina, è soltanto una paranoia della gente”!

il sig. Ricciardi (non lo cito con il titolo di dottore perchè per quanto mi riguarda vale quanto il due di coppe nella briscola a mazze…) è l’ex presidente dell’Istituto superiore di Sanità, ed attualmente è consigliere scientifico del ministro della Salute per i rapporti con le istituzioni sanitarie per l’emergenza Covid.

Era dunque un negazionista o, come credo sia accaduto a tutti i membri del governo, dopo aver preso atto degli omicidi che stavano commettendo (e non per il “non utilizzo delle mascherine…) obbligando i medici ad adottare protocolli killer, ha iniziato a tremare sentendo odore di carcere e quindi è dovuto correre ai ripari, facendo credere alla letalità di un virus che nei fatti, come suggeriscono i numeri, uccide molto meno di altre malattie attualmente presenti nel territorio e per le quali, a causa della pandemenza, poco o nulla si prestano le dovute attenzioni?

Avete sentito bene la dichiarazione fatta esplicitamente? Ve la enfatizzo, tanto perché non la dimentichiate!

«Ai sani non servono assolutamente a niente, non danno nessuna protezione nei confronti dei virus che penetrano attraverso quei fogli di garza. È solo una paranoia che la gente utilizza in maniera impropria».

Ma non è stato il solo, eh no!

Un volantino del Ministero della Salute, dal titolo “Nuovo coronoavirus, dieci comportamenti da seguire”, al punto 7 riporta: «Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o se assisti persone malate».

Il 2 marzo il virologo Roberto Burioni, ospite a Che tempo che fa, ha parlato dell’uso delle mascherine.

Leggi pure:   CORONAVIRUS: ZAIA si scaglia CONTRO il GOVERNO con un chiaro SLOGAN.

In collegamento c’era Piero Angela che, prima di congedarsi, ha chiesto al virologo quale fosse la reale utilità di questi dispositivi.

«Sulle mascherine prima si diceva che non servivano e ora servono. I virus sono piccolissimi, sono un centesimo delle dimensioni di un globulo rosso e in un millimetro cubo ci sono 4-5 milioni di globuli rossi, quindi passano attraverso qualunque cosa».

La risposta di Roberto Burioni è stata del tutto simile a quella di Walter Ricciardi. Ha spiegato che il contagio avviene attraverso goccioline che sono emesse mentre uno parla, con uno starnuto o un colpo di tosse.

«Per le persone che stanno bene non c’è bisogno della mascherina. Mentre chi sta male deve metterla tassativamente perché è efficace a bloccare la diffusione. Ma deve metterla chi sta male, non chi sta bene».

E non è tutto:

Anche oltreoceano le informazioni erano dello stesso calibro. Anthony Fauci dichiarò che:

«le mascherine sono importanti per evitare che le persone infette infettino qualcun altro. In questo momento negli USA le persone NON dovrebbero girare con le mascherine. Non c’è motivo di andare in giro con la mascherina».

ed ha proseguito affermando:

«Quando sei nel mezzo di un’epidemia, indossare una mascherina può far sentire le persone un po’ meglio e potrebbe eventualmente bloccare le goccioline ma non fornisce la protezione perfetta che la gente immagina e spesso può causare conseguenze indesiderate».

E però ancora rompono le scatole co’ ste mascherine del cavolo ed è normale che accada; a parte il fatto che consentono un introito economico non indifferente, devono necessariamente dimostrare di non avere avuto alcuna colpa riguardo le decine di migliaia di morti di inizio pandemenza e quindi, così facendo, allertando e terrorizzando in continuazione il popolo, creare il proprio alibi e magari, ed a pensar male spesso NON si fa peccato, sperano in qualche altra vittima!

Leggi pure:   Er genitore cacasotto!!!

Come dico sempre: “MENO IRRUENZA, PIU’ INTELLIGENZA

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.