QUANDO LE SIMULAZIONI SUPERANO LA REALTA’: “SIMEX”

Che fai, condividi?
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Sta accadendo…

I leader mondiali si sono dati da fare sulle nostre teste, hanno fatto i loro giochi e hanno tenuto la plebe all’oscuro usando cortine fumogene di gergo tecnocratico. Le élite stanno resettando le nostre vite. Un altra pagina su The Great Reset.

SEQUENZA TEMPORALE

  • 2005 I paesi membri dell’OMS firmano il nuovo Regolamento Sanitario Internazionale (IHR) che è fondamentalmente l’implementazione del capitolo sulla gestione della salute in The Great Reset, il manuale tattico per il Nuovo Ordine Mondiale aka New Normal. Il documento prevede l’utilizzo di metodi illiberali per perfezionare il nuovo sistema.
    Scarica IHR in PDF
  • 2014 – La creazione della  Global Health Security Agenda  (GHSA), “un gruppo di 69 paesi, organizzazioni internazionali e organizzazioni non governative e aziende del settore privato che si sono unite per realizzare la visione di un mondo sicuro e protetto dalle minacce per la salute globale rappresentate da malattie infettive ”. È stato lanciato da un gruppo di 44 paesi e organizzazioni tra cui l’OMS, come sforzo multilaterale quinquennale con lo scopo di accelerare l’attuazione dell’IHR, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Nel 2017, GHSA è stato ampliato per includere attori non statali. È stato inoltre esteso fino al 2024 con il rilascio del  quadro 2024 dell’Agenda per la sicurezza sanitaria globale (GHSA)
     (denominato “GHSA 2024”). Quest’ultimo ha lo scopo di raggiungere un livello standardizzato di capacità di combattere le malattie infettive.
    Tutto finanziato dalla Banca Mondiale, ovviamente. Che è controllata dal cartello Rothschild.
  • Rothschild brevetta il primo Covid-19 Test nei Paesi Bassi.
    Secondo il sito web del governo olandese per le registrazioni di brevetti: “Viene fornito un metodo per acquisire e trasmettere dati biometrici (ad esempio, segni vitali) di un utente, dove i dati vengono analizzati per determinare se l’utente soffre di un’infezione virale, come il COVID -19. Il metodo include l’utilizzo di un pulsossimetro per acquisire almeno il polso e la percentuale di saturazione dell’ossigeno nel sangue, che viene trasmessa in modalità wireless a uno smartphone. Per garantire che i dati siano accurati, viene utilizzato un accelerometro all’interno dello smartphone per misurare il movimento dello smartphone e / o dell’utente. Una volta acquisiti dati accurati, vengono caricati nel cloud (o host), dove i dati vengono utilizzati (da soli o insieme ad altri segni vitali) per determinare se l’utente soffre (o è probabile che soffra) di un’infezione virale, come il COVID-19.

  • 2019 Nel suo primo rapporto annuale , il Global Preparedness Monitoring Board dell’OMS e della WB identifica le azioni più urgenti necessarie per accelerare la preparazione alle emergenze sanitarie. Questo primo rapporto si concentra su epidemie e pandemie.
    Il documento è “co-convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità e dal Gruppo della Banca mondiale” .
    Nella sezione ” Indicatore / i di avanzamento entro settembre 2020 “, il rapporto afferma:

Le Nazioni Unite (inclusa l’OMS) conducono almeno due esercizi di addestramento e simulazione a livello di sistema, incluso uno per coprire il rilascio deliberato di un agente patogeno respiratorio letale.
L’OMS sviluppa trigger intermedi per mobilitare azioni nazionali, internazionali e multilaterali all’inizio delle epidemie, per integrare i meccanismi esistenti per le fasi successive e più avanzate di un’epidemia nell’ambito dell’IHR (2005).

Comitato di monitoraggio della preparazione globale

PAESI, DONATORI E ISTITUZIONI MULTILATERALI DEVONO ESSERE PREPARATI AL PEGGIO.

Una pandemia in rapida diffusione dovuta a un agente patogeno respiratorio letale (sia spontaneo che rilasciato accidentalmente o deliberatamente) pone ulteriori requisiti di preparazione. I donatori e le istituzioni multilaterali devono garantire investimenti adeguati nello sviluppo di vaccini e terapie innovativi, capacità di produzione imponente, antivirali ad ampio spettro e adeguati interventi non farmaceutici. Tutti i paesi devono sviluppare un sistema per condividere immediatamente le sequenze del genoma di qualsiasi nuovo patogeno per scopi di salute pubblica insieme ai mezzi per condividere contromisure mediche limitate tra i paesi.

LE NAZIONI UNITE DEVONO RAFFORZARE I MECCANISMI DI COORDINAMENTO.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, con l’OMS e l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), deve rafforzare il coordinamento nei diversi contesti nazionali, sanitari e di emergenza umanitaria, garantendo ruoli e responsabilità chiari a livello di sistema delle Nazioni Unite; ripristinare rapidamente la preparazione e le strategie di risposta durante le emergenze sanitarie; e, rafforzando la leadership del sistema delle Nazioni Unite per la preparazione, anche attraverso esercizi di simulazione di routine. L’OMS dovrebbe introdurre un approccio per mobilitare la più ampia comunità nazionale, regionale e internazionale nelle prime fasi di un’epidemia, prima di una dichiarazione di emergenza sanitaria pubblica IHR (2005) di interesse internazionale.

Indicatori di progresso entro settembre 2020

• Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, con il Direttore Generale dell’OMS e il Sottosegretario Generale per gli Affari Umanitari rafforza il coordinamento e identifica ruoli e responsabilità chiari e inneschi tempestivi per una risposta coordinata a livello di sistema delle Nazioni Unite per le emergenze sanitarie in diversi paesi e diversi contesti di emergenza sanitaria e umanitaria.
Le Nazioni Unite (inclusa l’OMS) conducono almeno due esercizi di addestramento e simulazione a livello di sistema, incluso uno per coprire il rilascio deliberato di un agente patogeno respiratorio letale.
• L’OMS sviluppa trigger intermedi per mobilitare azioni nazionali, internazionali e multilaterali all’inizio delle epidemie, per integrare i meccanismi esistenti per le fasi successive e più avanzate di un’epidemia nell’ambito dell’IHR (2005).
• Il Segretario Generale delle Nazioni Unite convoca un dialogo ad alto livello con i funzionari della sanità, della sicurezza e degli affari esteri per determinare come il mondo può affrontare la minaccia di una pandemia di patogeni respiratori letali, nonché per gestire la preparazione per focolai di malattie complesse, contesti insicuri.

Le possibilità di una pandemia globale stanno crescendo.  Mentre gli sviluppi scientifici e tecnologici forniscono nuovi strumenti che fanno avanzare la salute pubblica (inclusa la valutazione sicura delle contromisure mediche), consentono anche di ingegnerizzare o ricreare nei laboratori microrganismi patogeni. Un rilascio intenzionale complicherebbe la risposta all’epidemia; oltre alla necessità di decidere come contrastare l’agente patogeno, entrerebbero in gioco misure di sicurezza che limitano la condivisione delle informazioni e fomentano le divisioni sociali. Nel loro insieme, eventi naturali, accidentali o intenzionali causati da patogeni respiratori ad alto impatto rappresentano “rischi biologici catastrofici globali”. (15)

Il mondo non è preparato per una pandemia di patogeni respiratori virulenta e rapida   La pandemia influenzale globale del 1918 ammalò un terzo della popolazione mondiale e uccise fino a 50 milioni di persone, il 2,8% della popolazione totale (16,17). Se un contagio simile si verificasse oggi con una popolazione quattro volte più grande e tempi di viaggio in tutto il mondo inferiori a 36 ore, 50-80 milioni di persone potrebbero morire (18,19). Oltre ai tragici livelli di mortalità, una tale pandemia potrebbe causare panico, destabilizzare la sicurezza nazionale e avere un serio impatto sull’economia e il commercio globali.

La fiducia nelle istituzioni sta erodendo.  I governi, gli scienziati, i media, la sanità pubblica, i sistemi sanitari e gli operatori sanitari in molti paesi stanno affrontando un crollo della fiducia del pubblico che sta minacciando la loro capacità di funzionare in modo efficace. La situazione è aggravata dalla disinformazione che può ostacolare il controllo della malattia comunicato rapidamente e ampiamente tramite i social media.

No, non sono preoccupati per la disinformazione. Sono preoccupati che la loro agenda venga contrastata da verità che trapelano sui social media.

Leggi pure:   Ricordate... tutto torna alle sue origini, sempre!

Nella sezione “Avanzamento fino ad oggi”, troviamo il seguente frammento (pagina 19):

Nel 2017 Germania, India, Giappone, Norvegia, la Bill & Melinda Gates Foundation, il Wellcome Trust e il World Economic Forum hanno fondato la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) per facilitare il supporto mirato allo sviluppo di vaccini per combattere le principali epidemie sanitarie / minacce pandemiche .

A pagina 25, sono preoccupati per la resistenza armata alla loro imposizione di vaccini. Per citare,

Le sfide agli sforzi di eradicazione della poliomielite (poliomielite) in Afghanistan e Pakistan e quelle sperimentate durante il contenimento della decima epidemia di Ebola nella RDC dimostrano chiaramente l’impatto che un crollo della fiducia dei cittadini e della coesione sociale può avere sulla risposta all’emergenza sanitaria. Le conseguenze includono attacchi contro operatori sanitari nazionali e internazionali e ritardi o interruzioni negli sforzi di risposta. In alcuni paesi, il calo della fiducia nella sanità pubblica e nei funzionari governativi insieme a credenze culturali e religiose porta a una diminuzione dei tassi di vaccinazione e alla ricomparsa del morbillo e di altre malattie prevenibili con i vaccini, un fenomeno riscontrato nelle comunità a tutti gli effetti economico e livelli educativi.

Pagina 34. Si ropone di fare della “preparazione alle emergenze” una condizione preliminare per ricevere prestiti e sostegno finanziario dal FMI e dalla Banca mondiale. Per citare:

Per mitigare i gravi impatti economici di un’epidemia nazionale, regionale e / o di una pandemia globale, l’FMI e la Banca mondiale devono rinnovare urgentemente i loro sforzi per integrare la preparazione nel rischio economico e nelle valutazioni istituzionali, come il prossimo ciclo di consultazioni dell’articolo IV dell’FMI con i paesi e la prossima Systematic Country Diagnostics della Banca Mondiale per i crediti e le sovvenzioni IDA. La ricostituzione dei fondi dell’IDA, Fondo globale per la lotta all’AIDS, della tubercolosi e della malaria, e della Gavi Alliance dovrebbe includere impegni espliciti in materia di preparazione.

Ora ecco le persone meravigliose che sono membri del Global Preparedness Monitoring Board. Ricordi Fauci? Ricordi la Bill Gates Foundation? Altri notabili includono un membro del Partito Comunista Cinese.

L’OMS spiega cos’è un SimEx nell’ottobre 2019

“Gli esercizi di simulazione sono stati identificati come uno strumento volontario chiave nella convalida delle capacità di base nell’ambito della” Attuazione del Regolamento Sanitario Internazionale: Bozza della bozza del piano strategico globale quinquennale per migliorare la preparazione e la risposta della prima Assemblea mondiale della sanità. Gli esercizi di simulazione, insieme alle revisioni post-azione, rappresentano la valutazione funzionale delle capacità e integrano i rapporti annuali degli Stati partecipanti, le revisioni indipendenti e le valutazioni esterne congiunte. Svolgono un ruolo chiave nell’identificare i punti di forza e le lacune nello sviluppo e nell’attuazione delle capacità di RSI e nel supportare i paesi a valutare la capacità operativa nazionale di preparazione e risposta alla salute pubblica “. – WHO

Esercizi su vasta scala / sul campo (FSX):
“Un esercizio su vasta scala simula un evento reale il più fedelmente possibile ed è progettato per valutare la capacità operativa dei sistemi di gestione delle emergenze in un ambiente altamente stressante, simulando le condizioni di risposta reali. Ciò include la mobilitazione e il movimento del personale, delle attrezzature e delle risorse di emergenza. Idealmente, l’esercizio su vasta scala dovrebbe testare e valutare la maggior parte delle funzioni del piano di gestione delle emergenze o del piano operativo. A differenza del FX, un esercizio su vasta scala in genere coinvolge più agenzie e partecipanti fisicamente dispiegati in una posizione del campo di esercizio “. – WHO

Leggi pure:   Come sarà il Natale secondo gli esperti del "regime" Covid

Esercizi sul campo :
“Vedi esercizio su larga scala. Un esercizio sul campo è una forma di esercizio su vasta scala, incentrato su capacità o serie di capacità più specifiche, come le procedure per i team di risposta rapida (RRT), analisi di laboratorio o altri campioni di raccolta e trasporto. “- OMS

Gli esercizi non sono eventi una tantum, ma dovrebbero essere intrapresi come parte di un programma di esercizi attentamente progettato che assicuri che venga raggiunto un obiettivo strategico comune. Un programma di esercizi completo è costituito da esercizi progressivamente complessi, che si basano sul precedente, fino a quando non sono il più vicino possibile alla realtà. Questo “approccio a blocchi” dovrebbe iniziare con esercizi di base che testano aspetti specifici di preparazione e risposta, seguiti da esercizi progressivamente complessi che richiedono tempo e risorse di preparazione aggiuntivi.

– WHO

La figura seguente fornisce un’illustrazione del livello di preparazione e capacità necessarie per ogni tipo di esercizio.


Mappa della situazione al 10 settembre 2020. Stati Uniti, Brasile, Australia, Scandinavia e altri paesi sembrano condurre le proprie esercitazioni seguendo un programma diverso e che corrisponde alla situazione reale sul campo

Allora, cosa ha in programma l’OMS per l’Ucraina?

L’Ucraina è certamente “preparata” per una seconda ondata di covidiocrazia.
fonte:

L’OMS ha stabilito 
i piani per controllare le riunioni di massa dal 2019

Se vuoi leggi di più

Anche in questo caso leggi di più

fonte

MAI SENTITO PARLARE DI “EVENTO 201”, IL “CONTAGIO CREMISI”, ” CLADE X “, ” DARK WINTER ” O ” ATLANTIC STORM “?

Sebbene il Covid-19 sia il più grande finora, queste simulazioni hanno una lunga storia.

DOWNLOAD PDF

La foto sopra rappresenta il centro operativo Covid-19 del Dipartimento della salute e dei servizi umani a Washington. L’anno scorso il dipartimento ha svolto un ampio esercizio simulando una pandemia ”- NY Times

“L’esercizio si è svolto in quattro fasi separate, a partire da gennaio 2019.

Si supponeva che gli eventi si fossero svolti in tempo reale – con lo scenario peggiore in corso dal 13 agosto 2019 – quando, secondo il copione, erano già stati segnalati 12.100 casi negli Stati Uniti, con il maggior numero a Chicago, che ne aveva 1.400.

L’epidemia immaginaria ha coinvolto un’influenza pandemica, che il Dipartimento della salute e dei servizi umani afferma essere “molto diversa dal nuovo coronavirus”. L’epidemia organizzata era iniziata quando un gruppo di 35 turisti in visita in Cina sono stati infettati e poi sono tornati a casa in Australia, Kuwait, Malesia, Tailandia, Gran Bretagna e Spagna, nonché negli Stati Uniti, con alcuni sintomi respiratori in via di sviluppo e febbri lungo il percorso.

Un uomo di 52 anni di Chicago, che era in tour, aveva “poche energie e una tosse secca” al suo ritorno a casa. Suo figlio di 17 anni lo stesso giorno è andato a un grande evento pubblico a Chicago, e negli Stati Uniti è iniziata la catena di malattie.

Molti dei momenti durante l’esercizio sono ormai familiari.

Nella pandemia immaginaria, mentre il virus si diffondeva rapidamente negli Stati Uniti, il CDC ha emesso linee guida per l’allontanamento sociale e a molti dipendenti è stato detto di lavorare da casa “. – NY Times

INFORMAZIONI SULL’ESERCIZIO EVENTO 201

Secondo il loro sito web , “l’Evento 201 è stato un esercizio da tavolo di 3,5 ore sulla pandemia che ha simulato una serie di discussioni facilitate drammatiche e basate su scenari, affrontando dilemmi difficili e realistici associati alla risposta a un ipotetica, ma scientificamente plausibile pandemia. 15 leader globali di affari, governo e salute pubblica sono stati i  protagonisti  dell’esercizio di simulazione che ha evidenziato questioni politiche e economiche del mondo reale irrisolte che potrebbero essere risolte con sufficiente volontà politica, investimenti finanziari e attenzione ora e in futuro.

L’esercizio consisteva in trasmissioni di notizie preregistrate, briefing dal “personale” in diretta e discussioni moderate su argomenti specifici. Questi temi sono stati accuratamente progettati in una narrativa avvincente che ha educato i partecipanti e il pubblico.

Il Johns Hopkins Center for Health Security, il World Economic Forum e la Bill & Melinda Gates Foundation propongono congiuntamente queste  raccomandazioni “.

SCOPO

Negli ultimi anni, il mondo ha assistito a un numero crescente di eventi epidemici, pari a circa 200 eventi all’anno. Questi eventi sono in aumento e sono dannosi per la salute, le economie e la società. La gestione di questi eventi mette già a dura prova la capacità globale, anche in assenza di una minaccia pandemica. Gli esperti concordano sul fatto che è solo una questione di tempo prima che una di queste epidemie diventi globale, una pandemia con conseguenze potenzialmente catastrofiche. Una grave pandemia, che diventa “Evento 201”, richiederebbe una cooperazione affidabile tra diversi settori, governi nazionali e istituzioni internazionali chiave.

Recenti studi economici mostrano che le pandemie saranno la causa di una perdita economica media annua dello 0,7% del PIL globale, ovvero 570 miliardi di dollari . Le risposte degli attori allo scenario hanno illuminato la necessità di cooperazione tra industria, governi nazionali, istituzioni internazionali chiave e società civile, per evitare le conseguenze catastrofiche che potrebbero derivare da una pandemia su vasta scala.

Leggi pure:   L'Oms vuole imporci il vaccino! - Obbligatoriamente -

Simile ai 3 esercizi precedenti del Centro – Clade X ,  Dark Winter e  Atlantic Storm – l’ Evento 201 mirava a formare i dirigenti senior al più alto livello dei governi statunitensi e internazionali e dei leader nelle industrie globali.

È anche uno strumento per informare i membri delle comunità politiche e di preparazione e il pubblico in generale. Questo è diverso da molte altre forme di esercizi di simulazione che testano i protocolli o le politiche tecniche di una specifica organizzazione. Esercizi simili all’evento 201 sono un modo particolarmente efficace per aiutare i responsabili delle politiche ad acquisire una comprensione più completa delle sfide urgenti che potrebbero affrontare in una crisi dinamica e del mondo reale.

SCENARIO

I dettagli sullo  scenario  sono disponibili qui.

RACCOMANDAZIONI

“La prossima grave pandemia non solo causerà gravi malattie e perdite di vite umane, ma potrebbe anche innescare importanti conseguenze economiche e sociali a cascata che potrebbero contribuire notevolmente all’impatto e alla sofferenza globali. L’esercizio pandemico Evento 201, condotto il 18 ottobre 2019, ha chiaramente dimostrato una serie di queste importanti lacune nella preparazione alla pandemia, nonché alcuni degli elementi delle soluzioni tra i settori pubblico e privato che saranno necessari per colmarli. Il Johns Hopkins Center for Health Security, il World Economic Forum e la Bill & Melinda Gates Foundation propongono congiuntamente queste  raccomandazioni “.

PUBBLICO

Un pubblico solo su invito di quasi 130 persone ha partecipato agli esercizi e un live streaming dell’evento era disponibile per tutti. La copertura video è disponibile  qui .

SQUADRA DI ESERCIZI

Eric Toner, MD, è il capo della squadra di esercizi del Johns Hopkins Center for Health Security. Crystal Watson, DrPH, MPH e Tara Kirk Sell, PhD, MA sono co-responsabili del Johns Hopkins Center for Health Security. Ryan Morhard, JD, è il capo dell’esercitazione del World Economic Forum , e Jeffrey French è il capo dell’esercitazione per la Bill and Melinda Gates Foundation “.

Organizzatori principali:
The Johns Hopkins Center for Health Security, World Economic Forum e Bill & Melinda Gates.
World Economic Forum come negli ideologi che hanno redatto The Great Reset.

Al fine di creare lo slancio per il Great Reset, il principe Carlo reale del Regno Unito ha  detto che l’immaginazione e la volontà dell’umanità “dovranno essere catturate” in modo che possano impostare il mondo su una nuova traiettoria.
Questo è tratto dal suo discorso storico ma in gran parte ignorato all’evento di lancio ufficiale di The Great Reset.

Ha inoltre suggerito che le strutture di incentivi di lunga data che hanno effetti negativi sull’ambiente devono essere riorientate e che i sistemi e i percorsi dovranno essere riprogettati per far avanzare le emissioni nette zero a livello globale.

Fonte: https://silview.media/2020/09/09/exclusive-final-evidence-covid-19-is-a-a-simex-planned-simulation-exercise-by-who-and-world-bank/

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.