Quanto costeranno i vaccini per i cittadini europei

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il totale della spesa, rivelata da Reuters citando un funzionario Ue coinvolto nei negoziati per l’accordo con Pfizer e CureVac, ammonta a 8 miliardi di euro. Queste informazioni sui costi dei vaccini, finora non rivelate, confermano che l’Europa pagherà meno degli Stati Uniti per la fornitura iniziale

Un giro economico che vale miliardi

La Ue potrebbe pagare oltre 10 miliardi di dollari per assicurarsi centinaia di milioni di dosi dei vaccini sviluppati da Pfizer-BioNTechi e CureVac. Lo rivela la Reuters, citando un funzionario Ue coinvolto nei negoziati per l’accordo. Secondo la fonte, Bruxelles pagherà 15,50 euro per una dose di vaccino Pfizer e 10 euro per quello di CureVac.

Il prezzo di una dose fissato con Pfizer significherebbe un costo totale di 3,1 miliardi di euro per 200 milioni di dosi, che salirebbero a 4,65 miliardi di euro se fossero acquistate anche le 100 milioni di dosi opzionali previste dall’accordo, ha spiegato la fonte.

La cover della pagina Facebook Ne’ Petruzzu – Ogni giorno una Cover diversa dedicata all’argomento in evidenza

Le informazioni sui costi dei vaccini, finora non rivelate, confermano che la Ue pagherà meno degli Stati Uniti per la fornitura iniziale: per gli Usa, il costo del vaccino Pfizer è di 19,5 dollari a dose per 100 milioni di dosi. In parte, il prezzo inferiore si spiega con i finanziamenti accordati dalla Ue alla tedesca BioNTech per sviluppare il farmaco.

L’accordo, continua Reuters, comprende un’assicurazione per i Ventisette: avranno diritto a un risarcimento del 50% di quanto pagato, in caso le società che sviluppano il vaccino devino le dosi sugli Usa.

L’accordo di Bruxelles

Bruxelles ha concluso un accordo separato per garantirsi una fornitura iniziale di 225 milioni di dosi del candidato vaccino di CureVac per 10 euro a dose, assicurandosi uno sconto rispetto ai 12 euro che la compagnia aveva stabilito in precedenza.

Leggi pure:   Angela Chianello di “non ce n’è coviddi” sta girando un video musicale

L’accordo chiuso questa settimana prevede fino a 405 milioni di dosi, di cui 180 milioni opzionali; per questa tranche non è chiaro se il costo a dose sarà di 10 o 12 euro. La fonte ha rivelato che CureVac si è impegnata a iniziare le consegne per fine marzo.

Non ci sono conferme

In caso le informazioni di Reuters venissero confermate, la Ue pagherà un totale di 4,05 miliardi di euro per le 405 milioni di dosi di vaccino CureVac. Un portavoce della Commissione europea ha rifiutato di commentare i termini e i costi dei contratti per i vaccini, perche’ “confidenziali”. Anche Pfizer, BioNTech e CureVac non hanno rilasciato commenti

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.
Leggi pure:   DPCM: prima litigano sui social e poi passano alle mani