Ricordate… tutto torna alle sue origini, sempre!

Featured Video Play Icon
Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cosa è davvero importante per voi? La salute, l’arricchimento, la felicità, tutte queste cose o cos’altro? Ricordate… che tutto torna alle origini, sempre e non potete evitarlo.

Mai come in questo periodo si sono messi in gioco valori tanto importanti ed è stupefacente vedere come la maggioranza delle persone è disposta a sacrificare anche la libertà di accudire i propri cari nel momento del bisogno, la libertà di abbracciare i propri amici, la libertà, tolta ai nostri ragazzi, di giocare spensierati ed uniti, la libertà di spostarsi, di fare anche una semplice passeggiata in città e tutto in nome di un “bene comune” quale sarebbe la salute! Ma, tutto questo non inficia, forse, la salute psico-emotiva di ognuno di noi? E quando, per una malattia, abbiamo visto restringere, comprimere, in qualche caso annullare le nostre capacità decisionali riguardo alcuni aspetti della vita?

Io non accetto e mai ho accettato di vivere a metà, anche quando avrei potuto, anche quando “veramente” ero privo della libertà. Non ho lasciato che il tempo scorresse, conformandomi al resto della popolazione, al contrario ho reso quel tempo utile, sano, vero e, qualche volte ne avverto la mancanza. Chi mi conosce sa di cosa e di quale tempo sto parlando, perciò, sappiatelo, non è la mancanza di libertà che mi sconvolge, sono sempre stato libero e sempre lo sarò, a rendermi tutto inaccettabile, ripugnante è aver osservato durante questa pandemenza, quanto la gente sia stata capace di trasformarsi in automi senza capacità di discernimento e, quindi, senza alcuna morale a reggere le loro inutili esistenze. Io non lo accetto. Io non vi accetto!

Non sarete migliori, non siete migliori di chi la pensa diversamente da voi, non raggiungerete alcuno stato di grazia. Qualcuno di voi, ne siamo certi, è stato pagato per comunicare false paure, timori farlocchi, per propagandare e far accettare come “grave” qualcosa che nei fatti non lo è. Bè sappiate, voi esseri dall’animo corrotto che tutto quanto vi è stato promesso, anche quando vi verrà concesso, non vi servirà a nulla e non avrete migliorato le vostre vite. No!

Leggi pure:   Zaia contro il governo - Tanto per non perdere l'abitudine e... visibilità! -

Ciò che forse non sapete, che probabilmente non comprendete è che la verità non necessariamente è quella dalla maggioranza accettata come tale ed il fatto che essa stessa abbia bisogno di essere divulgata attraverso i più disparati metodi, dovrebbe farli riflettere. E’ necessario riconoscere che la società stessa crea “dipendenze” ed è essa stessa una dipendenza, una droga che obnubila le vostre coscienze ed una dipendenza è tanto dannosa, quanto più viene disconosciuta come tale. Svegliatevi, vi stanno “uccidendo”, stanno uccidendo la vostra umanità, notizia dopo notizia, numero dopo numero, giorno dopo giorno, lentamente, inesorabilmente!

Dal film ” ZEITGEIST: MOVING FORWARD”

Mia nonna era una persona meravigliosa. Mi insegnò a giocare a Monopoli(tm). Aveva capito che il punto del gioco è comprare. Accumulava tutto quello che poteva, ed alla fine diventava la padrona del tabellone. E poi mi diceva sempre la stessa cosa. Mi guardava e diceva: “un giorno imparerai a giocare”.

Un’estate giocai a Monopoli quasi ogni giorno per tutto il giorno, e quell’estate imparai a giocare. Arrivai a capire che l’unico modo per vincere è dediscarsi esclusivamente all’acquisizione. Arrivai a capire che i soldi e i possedimenti sono il modo di fare punti. Alla fine di quell’estate, ero diventato ancora più spietato di mia nonna. Ero pronto a barare pur di vincere. E quell’autunno mi sedetti a giocare con lei. Le presi tutto ciò che aveva. La guardai cedere il suo ultimo dollaro e lasciare il gioco sconfitta. E aveva un’altra cosa da insegnarmi, disse:

“Ora tutto torna nella scatola. Tutte quelle case, quegli hotel, tutte le ferrovie e le società di servizi, tutte quelle proprietà e tutto quel magnifico denaro. Ora tutto torna nella scatola. Niente di tutto ciò era realmente tuo. Ti eri agitato tanto per un attimo ma era qui molto tempo prima che tu giocassi e sarà qui dopo che te ne sarai andato. I giocatori vanno e vengono. Case, automobili, titoli, vestiti, persino il tuo corpo. Il fatto è che tutto ciò che afferro, consumo ed accumulo, tornerà nella scatola e perdero tutto.

Leggi pure:   Patentino Vaccinati? No, meglio un'App - Il governo ci riprova!

Quindi ti devi chiedere, una volta che finalmente ottieni l’ennesima promozione, una volta fatto l’ennesimo acquisto, una volta comprata l’ennesima casa, una volta raggiunta la sicurezza finanziaria, e scalata la cima del successo fino al punto più alto che puoi raggiungere…e l’ebrezza scompare, e scomparirà. E poi, per quanto tempo dovrai percorrere questa strada prima di vedere dove porta? Sicuramente capisci, che non sarà mai abbastanza. Quindi devi porti la domanda 

– COSA E’ DAVVERO IMPORTANTE?

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.