Il mio regalo per il nuovo anno -Una raccolta di centinaia di versi gratuita in formato eBook

Che fai, condividi?
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Da domani 30 Dicembre e fino al 3 Gennaio 2021 la mia raccolta omnia (centinaia di versi su varie tematiche) sarà disponibile in offerta gratuita per il download! Non perdetevi l’occasione. Questo il mio regalo per l’inizio del nuovo anno, sperando che sia ricco d’amore e serenità per tutti quanti! Buon download e felice anno nuovo a tutti quanti! (per essere rendirizzati al download cliccare su una delle due immagini di copertina) Unico volume per una raccolta di centinaia di versi scritti nel giro di dodici mesi. Ne esistono di…

Continua...

Questo è l’ultimo articolo che scrivo pensando alla Pandemenza!

Che fai, condividi?
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares

Mi sono rotto i coglioni! I miei attributi hanno perso pazienza! Leggere minchiate a gettoniera, da una parte e dall’altra ha riempito il sacco della mia pazienza e non intendo procurarmi l’ennesimo. Da oggi in poi, questo mio blog, pian piano, ma senza interruzioni, diverrà il contenitore di quanto sono sempre stato nella mia vita; un uomo a cui piace dire quello che pensa, in modo diverso, in versi, senza regole, creando immagini e pensieri comprensibili da chi ha la mente aperta, non indottrinata da alcuna idea, scienza o religione…

Continua...

BUON NATALE?

Che fai, condividi?
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Dovrei d’augurà er Buon Natale? Io spero davvero che a quarcuno glie prenda male! Nun so’ buono e manco voglio esse gentile Quarcuno, e so’ tanti, deve d’da torna nel suo ovile   Finilla de respirà, con o senza a mascherina possibilmente, perchè er monno, già n’fetto, con queste pecore vale niente! Dovemo da bastonà certe persone, prennelle a parolaccie Tanto nun s’offenneno, so’ pecorelle buone a f’fà fregnacce. Buon Natale a chi? Pe’ che cosa? Pe sti deficienti che so’ stati capaci de farce stà lontano da li parenti?…

Continua...

Er senso Civico nun ce l’hai

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

E io, volendo, te posso pure capì, ma nella vita mia nun poi n’terferì;   io mica te sto a d’dì de nun metterte la mascherina, pe m’me te poi pure soffocà, fai quello che te pare, ma nun me rompe li cojoni co sta manfrina, nun è che devo smette de respirà io, pelle tue paure!   Poi me vieni a parlà der senso civico, che te la metti pe’ protegge l’artri; io nun te credo e mo’ sai che te dico, che a te dell’artri nun te mai…

Continua...

Manifestare rispettando i DPCM farlocchi è compiere un’azione farlocca

Che fai, condividi?
  • 25
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    25
    Shares

Cosa succederà a Roma il 15 Novembre? Ho letto, da qualche parte, che sarebbe l’ultima occasione per far valere i nostri diritti e come? Manifestando nel rispetto dei DPCM vigenti? Cosa dovrebbe succedere a Roma? Ve lo dico io, non sucedderà nulla. Nulla di nulla!   Ennesima manifestazione civile, obbediente ai DPCM e quindi farlocca, che non porterà a nessun risultato se non a quello di aumentare il già malato ego di alcuni personaggi che stanno cavalcando l’onda di questa pseudo pandemia, al pari di quelli che, dichiarano, essere i…

Continua...

Tragicamente ridicolo

Che fai, condividi?
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Abbiamo tutti paura di una malattia, chi non ne avrebbe (?) ed allora, doverosamente, ne abbiamo anche della Covid e sappiamo però, che ogni giorno muoiono, centinaia, migliaia di persone per tante altre malattie ed alle vittime di queste, misteri della sanità italiana, non è riservato lo stesso trattamento a disposizione dei positivi asintomati al SARS-COV-2. Cifre anch’esse elevatissime, quelle relative ai ricoverati per altri mali, ma a loro nessuna angoscia è dovuta, nessuna attenzione eppure anche loro soffrono e tanto ed in qualche caso, molto più da chi affetto…

Continua...

Follia?

Che fai, condividi?
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

E non era un dubbio quello che lo attanagliava, no! Più passavano i giorni, le settimane, i mesi, gli anni, i lustri ecc… insomma, più passava il tempo, più si convinceva di esserlo. Folle! Eppure nessuno avrebbe mai potuto, anche soltanto sospettare che lo fosse, ma lui stesso ne era certo e, cosa alquanto insolita, non aveva nessuna remora nell’affermarlo, confermarlo a chiunque. Se non fosse stato per quel briciolo di etica che ancora possedeva, lo avrebbe fatto stampare sui propri biglietti da visita, immediatamente sotto il nome proprio come…

Continua...

Non muore chi ama

Che fai, condividi?
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Se la mente ferma il tempo qualunque cosa si faccia appare vana. Tutto appare immobile, niente si muove. Tutto diventa trasparente, ma anche opaco, tetro. Il limite di sopportabilità è superato ormai da un pezzo; l’orgoglio vuole scavalcare la diga della razionalità. Il fiume della volontà deve tornare a percorrere la discesa verso la valle della tranquillità. Una vita cambia in un momento così come nello stesso momento possono distruggersi tutti i sogni o, forse, realizzarsi, ma niente, comunque, è certo. Tutto appare come irto di difficoltà; sembra di passeggiare…

Continua...

Elucubrazioni

Che fai, condividi?
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Quanto è triste la consapevolezza di non saper esprimere ciò che si pensa così come si vorrebbe e, comunque, nel modo più adeguato al contesto. Provo lo stesso disturbo che si potrebbe avvertire stando seduto nello scompartimento di un vagone ferroviario completamente travolto dal ritmo del rumore, sempre lo stesso, che giunge dai binari. Lo stesso fastidio che si prova quando, durante una notte insonne, lo stillare di un rubinetto difettoso entra nei timpani impedendoti anche il minimo pensiero. Non sono capace, devo prenderne atto, di scrivere per come desidererei…

Continua...