Il mio regalo per il nuovo anno -Una raccolta di centinaia di versi gratuita in formato eBook

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Da domani 30 Dicembre e fino al 3 Gennaio 2021 la mia raccolta omnia (centinaia di versi su varie tematiche) sarà disponibile in offerta gratuita per il download! Non perdetevi l’occasione. Questo il mio regalo per l’inizio del nuovo anno, sperando che sia ricco d’amore e serenità per tutti quanti! Buon download e felice anno nuovo a tutti quanti! (per essere rendirizzati al download cliccare su una delle due immagini di copertina) Unico volume per una raccolta di centinaia di versi scritti nel giro di dodici mesi. Ne esistono di…

Continua...

Er razzista

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nella vita mia nun c’è posto pe li razzisti; che er cervello nun tengono a’posto! Nun c’è posto manco pe’ li fascisti pe’ sti soggetti provo solo disgusto! Perché ve sto a ddì ste cose? Perché nella vita ce sta de tutto; ce sò persone tanto schifose che solo a guardarle pagheresti er biglietto p’annà a vive all’artro monno, me starebbe bene pure de ffà er vagabonno tanto a che serve campà tutto bono e bello quanno che li meglio porci, robba de bordello, se ponno permette de campà senza…

Continua...

BUON NATALE?

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dovrei d’augurà er Buon Natale? Io spero davvero che a quarcuno glie prenda male! Nun so’ buono e manco voglio esse gentile Quarcuno, e so’ tanti, deve d’da torna nel suo ovile   Finilla de respirà, con o senza a mascherina possibilmente, perchè er monno, già n’fetto, con queste pecore vale niente! Dovemo da bastonà certe persone, prennelle a parolaccie Tanto nun s’offenneno, so’ pecorelle buone a f’fà fregnacce. Buon Natale a chi? Pe’ che cosa? Pe sti deficienti che so’ stati capaci de farce stà lontano da li parenti?…

Continua...

Er senso Civico nun ce l’hai

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

E io, volendo, te posso pure capì, ma nella vita mia nun poi n’terferì;   io mica te sto a d’dì de nun metterte la mascherina, pe m’me te poi pure soffocà, fai quello che te pare, ma nun me rompe li cojoni co sta manfrina, nun è che devo smette de respirà io, pelle tue paure!   Poi me vieni a parlà der senso civico, che te la metti pe’ protegge l’artri; io nun te credo e mo’ sai che te dico, che a te dell’artri nun te mai…

Continua...

Amore d’Amare: Mercurio Disperato

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questi, tra i versi che ho scritto, sono quelli che più mi hanno richiesto uno sforzo emotivo non indifferente, forse proprio per questo, anche tra i meno compresi!. Ve li ripropongo con il cuore colmo di gioia, per il sorriso che, grazie alla mia compagna, la vita mi ha restituito! Oh Zeus, divino e potente padre chiedi, chiedi a Maia, mia madre perché ali ai piedi, si veloci, mi faceste se le sue grandi bellezze al mondo esposte mai potrebbero amabilmente appartenermi e per non penar folgore devo nascondermi? Perché…

Continua...

A LI CENSORI…(der sistema)

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Me piaceresse dì a tutti sti stupidi censori che noi che penzamo, nun semo trasgressori de una legge, de n’decreto o d’un regolamento; è solo che è cretino er nostro parlamento; ce vorrebbe tappà a bocca e pure li penzieri, ma noi nun semo bischelli, nun semo nati ieri!!! C’avemo er diritto de parola e lo usamo; se p’poi ve ce mettete pure voi, che famo? E succede che so’ cazzi amari, che ve pensate che stamo cor culo a ponte, mentre ce bastonate? Dovete da sapè che quanno er…

Continua...

Er messaggio!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E io, volendo te posso pure capì, ma nella vita mia nun devi interferì! Io mica te sto a dì, de nun mette la mascherina, pe m’me te poi pure soffocà, fai quello che te piace, ma nun me venì a rompe li cojoni co’ sta manfrina che a te de l’artri nun te ne frega niente e me dispiace. Per questo nun me devi da venì a parlà der senso civico, che fino ieri, quando nun ce stava sta strana malattia, a te de l’artri, te lo ripeto, nun…

Continua...

Er Signore e er popolino!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quanno ch’er popolino comprese,dopo ch’ar governo aveva obbedito,che st’infame c’aveva solo pretesee che ner culo gl’aveva n’filato er ditoarzò l’occhi ar cielo e spaventatodisse – che c’avessimo fatto de sbagliato tantoda meritarce sto vergognoso affronto?Avemo fatto come er gregge ammaestrato, avemo perfino denunciato li nostri vicini,quanno che pe’ piglià aria facevano du passi,manco a li parenti semo stati vicinitanto che, porelli, se so’ dipressi! Avemo fatto li nostri sacrificima nun c’avemo avuto benefici:pure le mascherine se semo messiche tutti l’artri ce pigliavano pe’ fessi. E mica è corpa nostra se…

Continua...

…COR TEMPO

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nun me parlà più, mo’ te spengo disse l’Omo ar Televisore – ce lo dovresti da sapè, t’avverto che nun vado a morì pe’ corpa tua, de certo… Ma che stai a d’dì – rispose er Televisore forse a te no, ma a tutti l’artri de sicuro gl’ho messo er foco n’culo, l’Omo è immaturo! – Che tevo d’dì? Pe’ certi versi sarà pure vero – rispose l’omo facenno er fiero – Una cosa, però te dico, caro er mio televisore, si lo posso ffà io, poi stanne certo, che…

Continua...

Er genitore cacasotto!!!

Che fai, condividi?
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Se pò dì che l’italiani so’ pè davvero cretini? Io li vedo come li soldatini! Li vedo tutti obbedienti, allineati; Me parono tutti deficienti, inquadrati! Posso dì che nun c’hanno coscienza, c’a vita loro è fatta solo d’obbedienza e posso dì pure, che non c’hanno onore quanno che s’inchinano al loro dittatore, mandando li bambini a scuola, porelli, perchè er ministro de li poveri imbecilli ha detto che devono da stà tranquilli, che se so’ fatti tutti li giusti protocolli; poi, li vedemo inginocchiati, senza er banco ed io, che…

Continua...