Uno studio della Johns Hopkins scompare misteriosamente dopo che ha rivelato, nonostante il COVID, nel 2020 rispetto agli anni precedenti, nessun aumento della mortalità

Che fai, condividi?
  • 41
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    41
    Shares

La Johns Hopkins University traccia i casi covid in tutto il mondo e negli Stati Uniti.
I dati pubblicati dal sito vengono utilizzati per spaventare le persone convincendole a rimanere nelle loro case e isolarsi dal mondo reale. Quindi, quando esce uno studio della Johns Hopkins, che non mostra alcun aumento dei decessi nel 2020 in relazione agli anni precedenti, lo studio deve essere rimosso!

Il Gateway Pundit ha riferito ad agosto che secondo il CDC solo il 6% di tutti i decessi etichettati come morti COVID sono esclusivamente correlati al virus. I decessi rimanenti hanno in media almeno 2-3 comorbidità presenti.

 

SHOCK REPORT: This Week CDC Quietly Updated COVID-19 Numbers – Only 9,210 Americans Died From COVID-19 Alone – Rest Had Different Other Serious Illnesses

Il rapporto del sito sugli effettivi numeri COVID è diventato virale ed è stato persino ritwittato dal presidente Trump.

Durante il fine settimana, uno studio è stato pubblicato da Johns Hopkins affermando che COVID-19 ha “ relativamente nessun effetto sui decessi ” negli Stati Uniti. Purtroppo, poco dopo la pubblicazione, il rapporto è stato cancellato dal web.

Tuttavia, il rapporto è stato possibile recuperarlo utilizzando la Way-Back Machine e questo è in parte ciò che è stato segnalato:

Genevieve Briand, assistente alla direttrice del corso di laurea magistrale in Economia applicata presso la Johns Hopkins University, ha analizzato criticamente l’impatto che COVID-19 ha avuto sulle morti negli Stati Uniti. Secondo lei, l’impatto del COVID-19 sui decessi negli Stati Uniti può essere pienamente compreso confrontandolo con il numero di morti totali nel paese.

Secondo lo studio, “contrariamente alle ipotesi della maggior parte delle persone, il numero di morti per COVID-19 non è allarmante. In effetti, non ha relativamente alcun effetto sui decessi negli Stati Uniti “.

Il rapporto dice:

Dopo aver recuperato i dati sul sito web del CDC, Briand ha compilato un grafico che rappresenta le percentuali dei decessi totali per categoria di età dall’inizio di febbraio all’inizio di settembre, che include il periodo da prima che COVID-19 fosse rilevato negli Stati Uniti a dopo che i tassi di infezione sono aumentati vertiginosamente.

Sorprendentemente, la morte delle persone anziane è rimasta la stessa prima e dopo COVID-19. Poiché COVID-19 colpisce principalmente gli anziani, gli esperti si aspettavano un aumento della percentuale di decessi nei gruppi di età più avanzata. Tuttavia, questo aumento non si vede dai dati CDC.
In effetti, le percentuali di decessi tra tutti i gruppi di età rimangono relativamente le stesse …

… Quando Briand ha esaminato i dati del 2020 riferiti quel periodo stagionale, i decessi correlati a COVID-19 hanno superato i decessi per malattie cardiache. Ciò era molto insolito poiché le malattie cardiache sono sempre state la principale causa di morte. Tuttavia, esaminando più da vicino i numeri delle morti, ha notato qualcosa di strano. Briand ha confrontato il numero di decessi per causa relativi allo stesso periodo nel 2020 al 2018 ed ha notato che invece del drastico aumento previsto per tutte le cause, c’è stata una significativa diminuzione dei decessi dovuti a malattie cardiache. Ancora più sorprendente, come si può osservare nel grafico, questo improvviso calo dei decessi si osserva per tutte le altre cause.

Fonte

Petruzzu vi ricorda che nella Costituzione Italiana sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (art.14) che è "inviolabile" come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, nè qualsiasi altra restrizione alla libertà personale, se non per atto motivato dall'autorità giudiziara (Art.13). Ogni cittadino può circolare libero all'interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art.17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art.20). Diritto inviolabile è l'espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21. Secondo l'Articolo 32 della Costituzione, nesssuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc...) se non è previsto dalla legge, non dai DPCM o dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convizioni religiose o sociali. L'obiezione di coscienza è un diritto. Un governo democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d'opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il parlamento.